Amazon+clickBank

sabato 16 agosto 2014

POTTER CORNER: Le innumerevoli curiosità sul mondo di Harry Potter




Un tuffo approfondito attraverso innumerevoli notizie e curiosità sul mondo di Harry Potter, un mondo così tangibile e ben congegnato da sembrare reale!
  
 
 
  1. Il vero nome di Hermione ha "rischiato" di essere Hermione Quickle. Joanne Rowling ha pensato, evidentemente, che tale nome avesse però un tono decisamente aspro, ragion per la quale ha deciso di renderlo migliore adattandolo al personaggio della maghetta. Nelle intenzioni originarie della scrittrice, Hermione avrebbe dovuto avere una sorella più giovane ma la Rowling non ha mai trovato il momento giusto per collocarla nei suoi libri.
  2. Il personaggio di Gilderoy Allock, il professore insopportabilmente vanitoro e protagonista de "La Camera dei Segreti", è stato ispirato da qualcuno che la Rowling conosce nella vita reale. Le voci dominanti sono quelle che individuano il personaggio di Gilderoy nell’ex marito della scrittrice, sebbene lei abbia sempre negato. “Aveva l’abitudine di raccontare enorme grandi frottole sulla sua vita passata, tutto progettato per dimostrare che persona meravigliosa, coraggiosa e brillante fosse. Probabilmente ora è là fuori a dire a tutti che ha ispirato il personaggio di Albus Silente. O che ha scritto lui i libri permettendomi di dire che l’ho fatto io solo per gentilezza“, ha dichiarato in precedenza la scrittrice, dando così adito alle voci.
  3. Edvige, la civetta delle nevi di Harry, non è del tutto precisa. Dopo che il primo libro è stato accettato per la pubblicazione, Joanne Rowling ha scoperto che le civette delle nevi sono diurne. Ed è stato durante la stesura del secondo libro che si è resa conto che le civette delle nevi sono silenziose, a contrario di quanto è avvenuto con Edvige. Lei ha ammesso che questo ha fatto parte solo di un buco di ricerca da parte di sua, ma dice che i lettori dovrebbero sentirsi liberi di pensare che l’insolito talento della civetta è parte delle sue capacità magiche. Per inciso, anche se Edvige è femmina, lei è interpretata da un maschio nei film perché le femmine non sono del tutto bianche come invece lo sono i maschi.
  4. La Rowling ha sempre amato inventare nomi e parole insolite e interessanti. Ha sempre detto che ama leggere liste di tali nomi, da quelli dei monumenti ai caduti nelle guerre ai nomi dei bambini. Alcuni dei suoi preferiti hanno trovato una nuova casa nei libri di Harry Potter. “Quidditch”, ad esempio, è un conio della Rowling. Ha riempito cinque pagine di parole inventate che cominciavano con “Q” prima di trovare quella che suonasse bene. Anche "Voldemort" e "Malfoy" sono stati inventati.
  5. Fred e George sono nati il primo aprile.
  6. Il nucleo delle bacchette di Harry, Ron e Hermione si basa sui loro compleanni. I celti assegnavano gli alberi alle persone allo stesso modo di come associamo le gemme oggi. La scrittrice aveva già assegnato la bacchetta a base di agrifoglio ad Harry quando ha scoperto l’antico oroscopo celtico degli alberi. Ha fatto poi la stessa cosa con Draco Malfoy (legno di biancospino). Ma Ron e Hermione hanno volutamente ricevuto delle bacchette in base ai loro compleanni – cenere per Ron e legno di vite per Hermione. La Rowling non però ha effettuato questa convenzione per tutti i personaggi.
  7. La gatta di Argus Gazza prende il suo nome dal libro di Jane Austen Mansfield Park.
  8. Il personaggio di Piton è parzialmente basato su un insegnante avuto dalla Rowling, e le piace scrivere di lui perché lo trova una creatura patetica.
  9. Come probabilmente sapete, la stazione di King's Cross è la stazione dove i giovani maghi prendono l'Espresso per Hogwarts. Quello che forse non sapete è che la stazione ha un significato speciale per Joanne Rowling: è dove i suoi genitori si sono conosciuti. Entrambi erano diretti a Arbroath in Scozia, quando si sono incontrati sul treno. King’s Cross è stato volutamente scelto come strada per Hogwarts in omaggio ai genitori della Rowling.
  10. L'autrice non voleva presentare il libro con il suo nome, perché pensava che nessuno avrebbe comprato un libro scritto da una donna. Perciò inizialmente lo presentò alla casa editrice con il nome J. Rowling, ma le fu chiesto di aggiungere un'altra lettera. Cosi' decise di aggiungere la K di Kathleen, nome della nonna. 
  11. Negli Stati Uniti il titolo dell'opera è ''The Sorcerer's Stone'' ovvero la pietra del mago, perché si pensava che il pubblico non sarebbe stato attratto dal titolo originale.
  12. L'unico capitolo scritto tutto d'un fiato e poi mai modificato è quello in cui Harry impara a volare. La Rowling lo scrisse una sera in un caffè dopo che sua figlia si era addormentata. 
  13. La Rowling ha riscritto il primo capitolo per ben 15 volte. Infatti ogni versione tralasciava troppi dettagli sul futuro della saga. In una di queste i Potter vivevano in un'isoletta lontana, mentre quelli di Hermione sulla terraferma. Una sera il padre della ragazza scorge da lontano dei lampi di luce verde. Si avventura in mare durante una tempesta e arrivato a casa dei Potter trova i loro corpi esanimi tra le macerie della casa. In un'altra versione è un Babbano a rivelare a Voldemort la posizione della casa dei Potter. In una terza è un servo di Voldemort di nome Pyrites, poi cancellato dalla saga, che indossa dei guanti bianchi, che è solito macchiare con il sangue delle sue vittime.
  14. Inizialmente la Rowling immagino' la stazione di King's Cross a Manchester e non a Londra.
  15. Le scene più spaventose di tutta la saga sono a suo avviso, quella in cui Raptor si toglie il turbante rivelando il volto di Voldemort, e quando Voldemort incappucciato beve sangue di unicorno nella Foresta proibita. Con queste scene vuole comunicare che anche il mondo magico è pericolosissimo.
  16. La Rowling fa di Harry un ragazzo molto ricco perchèéin quel periodo aveva difficoltà economiche e proietta nel ragazzo i suoi desideri.
  17. Mentre scriveva "La Camera dei Segreti", le vendite del primo libro si impennarono e la Rowling ebbe un blocco a metà della stesura, perché pensava di non poter ripetere l'impresa.
  18. Nella stesura iniziale del secondo libro era inclusa buona parte della trama del sesto libro. Poi la Rowling decise che quegli eventi sarebbero dovuti essere narrati piu' avanti.
  19. La Rowling considera la lotta tra Harry e il Basilisco la scena più emozionante della saga. 
  20. "Il prigioniero di Azkaban" è il libro che la Rowling ha scritto in meno tempo: solo un anno.
  21. La Rowling ha trovato particolarmente piacevole scrivere questo libro per la presenza di uno dei suoi personaggi preferiti, Remus Lupin, considerato da lei ''insegnante perfetto''.
  22. La Rowling ha trovato divertente scrivere il quarto libro, perché si parla dei primi amori dei ragazzi, e ognuno finisce per innamorarsi della persona sbagliata.
  23. L'autrice ha riscritto il nono capitolo ''Il marchio nero'' de "Il Calice di fuoco" per ben 13 volte, tanto da ribattezzarlo: il capitolo ''infausto''.
  24. L'autrice aveva valutato anche il titolo ''Harry Potter e il Torneo Tremaghi'', ma ha poi optato per ''Il calice di fuoco'' perché la faceva pensare ad una sorta di ''Calice del destino''.
  25. A metà della quarta opera la Rowling si è resa conto di una grossa falla nella trama e ha riscritto tutto di sana pianta. Infatti ha sostituito il personaggio di una cugina di Ron, facente parte dei Serpeverde, che passa informazioni al trio sui Mangiamorte, con Rita Skeeter.
  26. Durante la cerimonia dello smistamento viene citata Natalie McDonald, una nuova Grifondoro. Questo è un omaggio fatto ad una bambina, omonima, morta di leucemia, che aveva espresso il desiderio prima di morire di apparire nei libri di Harry Potter.
  27. Dopo la fine della stesura del libro, la Rowling ha ammesso di aver pianto nel rileggere l'apparizione dei genitori di Harry durante il duello con Voldemort.
  28. Nella stesura iniziale de "L'Ordine della Fenice" Sirius, sotto forma di Felpato, viveva a Hogsmeade, presso una strega amante dei cani, di nome Mopsy. L'editore chiese all'autrice di eliminare questo personaggio che non apportava nulla alla trama.
  29. Per descrivere Harry in preda alle crisi adolescenziali l'autrice si è rifatta agli studenti di sua sorella insegnante e se stessa da ragazza.
  30. La scelta di far morire Sirius è stata difficile per la Rowling, ma secondo lei era dovuta: infatti Harry deve proseguire da solo la propria missione e un padrino sarebbe stato un sostegno troppo grande.
  31. Dopo aver scritto la morte di Sirius la Rowling ha ammesso di aver pianto, anche perché poco prima, navigando in Internet, aveva trovato molti fansite, dedicati a lui.
  32. Nella stesura iniziale la Umbridge si chiamava Elvira e non Dolores.
  33. Il primo capitolo de "Il Principe Mezzosangue", ''L'altro ministro'', era stato scritto dalla Rowling già 13 anni prima, e aveva cercato di inserirlo nel primo, nel terzo e nel quinto libro, ma la collocazione non era mai quella giusta.
  34. Gli eventi del sesto libro sono così strettamente legati a quelli del settimo che la Rowling li considera due parti dello stesso romanzo.
  35. La scena in cui Luna Lovegood commenta la partita di Quidditch è considerata dall'autrice la più divertente della saga.
  36. L'autrice afferma che la morte di Silente è stata quella piu' dura per lei e quella per cui ha pianto di piu'.
  37. La Rowling aveva utilizzato inizialmente, per l'ultimo libro, il titolo ''Harry Potter e la Bacchetta di Sambuco'' e poi ''Harry Potter e la Ricerca dei Peverell'', ma nessuno dei due la soddisfaceva. La scelta finale è risultata azzeccata, anche' perché lasciava un alone di mistero.
  38. Secondo l'autrice il capitolo più piacevole da scrivere è stato ''Ancora la foresta'', nel quale Harry lascia che Voldemort lo uccida.
  39. Alla fine della stesura l'autrice ha ammesso di aver sentito un misto di euforia e disperazione.
  40. Il libro è tutt'oggi il più venduto della storia su Amazon.com (più di 2.2 milioni di copie).
  41. La saga di Harry Potter ha fatto della Rowling la donna più ricca della Gran Bretagna (si stima che il suo patrimonio sia pari a un miliardo di dollari, persino superiore alla regina di Inghilterra.)
  42. Ad una specie di dinosauro è stato dato il nome Dracorex hogwartsia in riferimento ad Hogwarts, la scuola di magia descritta nella saga letteraria.
  43. Per la scena della lezione della professoressa McGranitt si è arrivati ad avere sul set ogni giorno fino a 60 animali.
  44. Robbie Coltrane, che interpreta Hagrid, si è ritrovato un piccolo pipistrello attaccato alla barba mentre girava una scena nella capanna.
  45. L’animale più grande portato sul set è stato un ippopotamo.
  46. L’animale più piccolo portato sul set è stato un centopiedi.
  47. Dopo aver filmato i 40 gatti nell’ufficio di Dolores Umbridge, gli animali sono stati affidati a nuovi proprietari, ignari della loro fama.
  48. Per Harry Potter sono stati usati oltre 25.000 capi di vestiario, di cui 600 sono divise scolastiche.
  49. Le scene con il maggior numero di attori e comparse da vestire sono state quelle della battaglia in Harry Potter e i Doni della Morte, con 400 Mangiamorte e Ghermidori e quelle della Sala Grande con 400 studenti e professori presenti.
  50. In Harry Potter e la camera dei segreti, le lumache vomitate da Ron erano finte.. Rupert Grint ha scelto una poltiglia al gusto d’arancia per rendere l’esperienza più gustosa.
  51. Sono stati realizzati 250 calchi dei corpi di attori per morti, pietrificazioni e schiantesimi.
  52. Sul set è stato presente un dentista per le tante scene di massa con i ragazzi, pronto a rimettere a posto denti che traballavano e cadevano e assicurare la continuità delle scene in cui si vedevano denti finti.
  53. La famosa cicatrice di Harry è stata applicata col trucco circa 5.800 volte. Non solo su Daniel Radcliffe, su cui è stata applicata 2.000 volte, ma anche sulle sue controfigure e sugli stuntmen che lo sostituivano.  
  54. Per tutta la serie dei film, sono stati usati circa 2.182 litri di shampoo e balsamo, sufficienti a riempire 28 vasche da bagno.
  55. La scena del binario 9 e tre quarti è stata girata nella stazione di King's Cross tra il binario 4 e il binario 5. Esiste comunque, per i fan e turisti, un binario 9 e tre quarti installato tra il nono e il decimo binario.
  56. Il giorno della pubblicazione di «Harry Potter e il prigioniero di Azkaban» è stato chiesto alle librerie inglesi di non vendere il libro ai bambini prima che la scuola per quel giorno fosse finita. Per evitare che tutti marinassero le lezioni.
  57. Nelle preferenze musicali dell'autrice, ci sono i The Smiths e i The Clash. È una rocker purosangue.
  58. Il primo film di Harry Potter sembrava dovesse essere diretto da Steven Spielberg. Le prime due pellicole sono state realizzate invece da Chris Columbus, il regista di «Mrs. Doubtfire».
  59. Prima della sua pubblicazione, altre 20 case editrici hanno rifiutato di mettere in stampa il libro rivelatosi poi una miniera d'oro.
  60. Sembra sia stato proposto alla Rowling di interpretare Lily Potter, la mamma di Harry. Ha rifiutato.
  61. «Harry Potter e l'Ordine della fenice» è il più lungo libro della serie: trentotto capitoli e 255 mila parole. Il primo è il più corto.
  62. Il personaggio di Mirtilla Malcontenta è stato interpretato da un'attrice (Shirley Henderson) che ai tempi delle riprese aveva 37 anni.
  63. Il personaggio di Albus Silente è ispirato al preside delle sue scuole elementari, Alfred Dunn.
  64.  Tom Felton (Draco) era stato provinato inizialmente sia per il ruolo di Harry Potter che quello di Ron Weasley. Si era presentato alle audizioni senza aver mai letto una pagina della saga, inizialmente aveva fatto un'audizione per i personaggi di Harry Potter e di Ron Weasley, quando gli fu chiesto quale fosse la sua parte preferita provò ad arrampicarsi sugli specchi dicendo che era la stessa del ragazzo prima di lui. Furbo! Proprio come Draco!
  65. Durante la registrazione dei film Daniel Radcliffe ha rotto tra le 60 e le 70 bacchette, perché l'attore nelle pause di lavoro si dilettava con loro a suonare la batteria.
  66. Il linguaggio di Ron Wesley, nel romanzo, avrebbe dovuto essere molto più grezzo e "volgare". La casa editrice ha chiesto che il suo linguaggio rimanesse comunque adatto per i bambini.
  67. È stata la Rowling a decidere di usare gli stessi attori per tutti i film. L'unico modo per farlo era lavorare con gli stessi attori un film dietro l'altro, quasi senza interruzioni.
  68. L'autrice avrebbe dichiarato di aver immaginato Albus Silente come un personaggio omosessuale.
  69. «Harry Potter e i doni della morte», il libro, ha venduto 8,3 milioni di copie in soli 24 ore. In molti posti nel mondo, aperture notturne hanno anticipato la vendita del libro così tanto atteso.
  70. La scrittrice preferita della Rowling? Jane Austen. e Tolkien.
  71. La Rowling ha dichiarato che Hermione è un personaggio autobiografico.
  72. Il suo primo racconto l'ha scritto a sei anni. Parlava di un coniglio chiamato fantasiosamente "Rabbit". Era coinvolta anche un'ape gigante, Miss Bee.
  73. Harry Potter nella finzione e la Rowling nella realtà, compiono gli anni nello stesso giorno, il 31 luglio.
  74. Lei scrive tutti i suoi libri a mano. Mai al computer. 
  75. In Cina sono stati realizzati illegalmente delle opere che portavano avanti le vicende di Harry Potter. Regolarmente denunciati, la Rowling ha vinto la causa. La fantasia di questi autori orientali aveva portato dentro la storia personaggi de «Il signore degli anelli». Un sacrilegio.
  76. 160 paia è il numero di occhiali che ha inforcato Daniel Radcliffe durante le riprese dei film di Harry Potter. Durante le riprese del primo film Daniel ha sofferto, addirittura, di allergia agli occhiali.
  77. Nei titoli di coda di Harry Potter e il Calice di Fuoco (2005), si può leggere: Nessun drago è stato maltrattato durante la produzione di questo film
  78. Emma Watson ha dovuto sostenere 8 audizioni prima di diventare Hermione. Rupert Grint (Ron) che aveva all'epoca 10 anni, convinse i produttori mostrando un video fatto in casa in cui si esibiva in un buffo buffissimo rap.
  79. Sono state create 40 versioni del medaglione di Salazar Serpeverde che Ron e Harry tentano di distruggere.
  80. Un appassionato ha realizzato la bicicletta di Dolores Umbridge a partire da un disegno.
  81. Sono stati necessari tre mesi di lavoro per costruire il set dei Tiri Vispi Weasly! E’ alto tre piani e ha tre scale. Tutte le etichette dei prodotti sono state stampate e messe insieme a Leavesden, e i 120 prodotti sono stati progettati da tre artisti e dal dipartimento grafico.
  82. Sono state necessarie 532 tonnellate di polistirene per creare le macerie di I Doni della Morte. 
  83. I produttori David Heyman e David Barron sono stati immortalati nei ritratti appesi alle pareti della scalinata di marmo.
  84. Per la scena della banca Gringott nei due ultimi film sono state coniate 210.000 monete.

6 commenti:

  1. Adoro tutte queste curiosità *___*

    RispondiElimina
  2. 27... CON TUTTO QUELLO CHE HO PIANTO IO, SON CONTENTA ABBIA PIANTO UN PO' PURE LEI ;p

    RispondiElimina
  3. Ciao, bel blog! Sono una fan anch'io di hp. Ho solo una curiosità.. Dove hai trovato tutte queste informazioni? Perchè non hai inserito le fonti per cui come faccio a sapere che è tutto vero? XD
    Cordiali saluti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non trovo più ormai il link dal quale ho preso le informazioni, però ne ho trovato un altro dove c'è lo stesso articolo:
      http://l-antro-della-cultura.webnode.it/news/le-curiosit%C3%A0-sul-mondo-di-harry-potter/

      Elimina
  4. Ciao complimenti x il blog.. Un'informazione ma le felpe che indossa harry hanno una marca? Sono troppo belle!

    RispondiElimina