Amazon+clickBank

sabato 30 agosto 2014

RECENSIONE: Il sentiero dei profumi (Cristina Caboni)


Titolo: Il sentiero dei profumi
Autore: Cristina Caboni
Casa Editrice: Garzanti
Collana: Narratori Moderni
Dati: 2014, 392 p., rilegato
Prezzo: 14,90 €


TRAMA:
Elena non si fida di nessuno. Ha perso ogni certezza e non crede più nell'amore. Solo quando crea i suoi profumi riesce ad allontanare tutte le insicurezze. Solo avvolta dalle essenze dei fiori, dei legni e delle spezie sa come sconfiggere le sue paure. I profumi sono il suo sentiero verso il cuore delle persone. Parlano dei pensieri più profondi, delle speranze più nascoste: l'iris regala fiducia, la mimosa dona la felicità, la vaniglia protegge, la ginestra aiuta a non darsi per vinti mai. Ed Elena da sempre ha imparato a essere forte. Dal giorno in cui la madre se n'è andata via, abbandonandola quando era solo una ragazzina in cerca di affetto e carezze. Da allora ha potuto contare solo su sé stessa. Da allora ha chiuso le porte delle sue emozioni. Adesso che ha ventisei anni il destino continua a metterla alla prova, ma il suo dono speciale le indica la strada da seguire. Una strada che la porta a Parigi in una delle maggiori botteghe della città, dove le fragranze si preparano ancora secondo l'antica arte dei profumieri. Le sue creazioni in poco tempo conquistano tutti. Elena ha un modo unico di capire ed esaudire i desideri: è in grado di realizzare il profumo giusto per riconquistare un amore perduto, per superare la timidezza, per ritrovare la serenità. Ma non è ancora riuscita a creare l'essenza per fare pace con il suo passato, per avere il coraggio di perdonare. C'è un'unica persona che ha la chiave per entrare nelle pieghe della sua anima e guarire le sue ferite: Cail.


RECENSIONE:
Questo è un libro stupendo, che fa riflettere sui veri valori della vita. Scrittura sublime, al punto che mentre si legge si possono percepire i profumi descritti. E' un libro di quelli che ridonano fiducia, e aiutano a sentire il profumo intorno a noi.
La storia potrebbe essere quella di ognuno di noi. Il libro ti fa vivere l'avvolgente calore del profumo della magia, dove amore, determinazione e coraggio vincono su ogni cosa.
Per Cristina Caboni è un esordio col botto, da 110 e lode. Semplice, limpido, scorrevole, ti avvolge dalla prima pagina, e ti trascina nelle emozioni e sensazioni dei protagonisti.
Ho apprezzato tanto i protagonisti Cail e Elena, entrambi passati attraverso grandi e piccoli dolori, ma capaci di emozionarsi ancora di fronte all'amore.
Mi ha stregato il contesto della profumeria, con i racconti della nascita e preparazione dei profumi, con tutti i più nascosti segreti.
E' proprio vero che il profumo è il linguaggio più immediato, che descrive l'umore e lo stato d'animo. Ho apprezzato la minuzia di particolari e nomi tecnici che ogni maestro profumiere deve conoscere. Ho subito pensato che Cristina Caboni ci avesse messo del suo.
Ho avuto la conferma, leggendo del suo amore per le essenze e i fiori. Tutto ora ha un senso. Mentre si legge, sembra di sentire i profumi, e si rimane affascinati. Tutto è ben scritto, personaggi ben delineati, sentimenti profondi e che si riescono facilmente a fare propri. Inoltre trovo molto belle le descrizioni degli ambienti, di Firenze, di Parigi. Insomma, ci si vive perfettamente dentro nel libro e viene voglia di approfondire il mondo affascinante dell'arte profumiera.

Il "Sentiero dei profumi" di Cristina Caboni è un romanzo particolare, curioso, insolito: è un romanzo sull'attenzione. Oggi la moderna tecnologia ha inculcato nell'uomo scarsa attenzione nei confronti dell'altro. C'è chi pensa per noi, calcola e progetta al nostro posto, vede sente esamina per nostro conto, viviamo interagendo con le macchine, non direttamente con le persone. Occhi sullo schermo, cuffiette nelle orecchie, dita che scorrono freneticamente sulla tastiera, di nient'altro siamo consci, nemmeno di un profumo. I profumi, invece, rivelano fedelmente l'essenza più intima delle persone. Percorrendo "Il sentiero dei profumi" Elena, la protagonista del romanzo porrà rimedio alla ferite di una storia di trascuratezza affettiva, e troverà l'amore, in un tripudio di colori d'iris, genziana, bergamotto, limone, e dei loro profumi, appunto. Un bel libro, ben scritto, un libro originale, un libro che parla di emozioni, di sentimenti, di sensi e di sensualità, e quindi anche di odori. Come dire, le cose belle della vita si apprezzano e piacciono così, d'istinto, "a naso".

Grandissima Cristina Caboni, aspettiamo un altro suo romanzo! E intanto leggete questo capolavoro, ve lo consiglio!



 
L'AUTRICE:
Cristina Caboni vive in provincia di Cagliari con suo marito e i loro tre figli. Oltre a dedicarsi a tempo pieno alla scrittura, lavora per l’azienda apistica di famiglia, occupandosi principalmente della cura delle api regine. Un’altra sua grande passione sono le rose, delle quali coltiva una grande varietà di specie. Il mondo dei profumi e delle essenze naturali la accompagna da lungo tempo, e il suo primo romanzo Il sentiero dei profumi vuole essere un omaggio a quanto di più affascinante si cela dietro un odore, che sia quello di un ricordo lontano, un amore perduto e irraggiungibile, una speranza che sa di nuove opportunità.



1 commento:

  1. Questa autrice mi è del tutto nuova... Così come il suo libro che, da quel che mi pare di capire, merita di essere letto. Ne prendo nota.

    RispondiElimina