Amazon+clickBank

lunedì 1 giugno 2015

RECENSIONE: Il linguaggio segreto dei fiori (Vanessa Diffenbaugh)


Titolo: Il linguaggio segreto dei fiori
Autore: Vanessa Diffenbaugh
Editore: Garzanti
Uscita: 2011
Pagine: 359 p.



Trama:
Victoria ha paura del contatto fisico. Ha paura delle parole, le sue e quelle degli altri. Soprattutto, ha paura di amare e lasciarsi amare. C'è solo un posto in cui tutte le sue paure sfumano nel silenzio e nella pace: è il suo giardino segreto nel parco pubblico di Portero Hill, a San Francisco. I fiori, che ha piantato lei stessa in questo angolo sconosciuto della città, sono la sua casa. Il suo rifugio. La sua voce. È attraverso il loro linguaggio che Victoria comunica le sue emozioni più profonde. La lavanda per la diffidenza, il cardo per la misantropia, la rosa bianca per la solitudine. Perché Victoria non ha avuto una vita facile. Abbandonata in culla, ha passato l'infanzia saltando da una famiglia adottiva a un'altra. Fino all'incontro, drammatico e sconvolgente, con Elizabeth, l'unica vera madre che abbia mai avuto, la donna che le ha insegnato il linguaggio segreto dei fiori. E adesso, è proprio grazie a questo magico dono che Victoria ha preso in mano la sua vita: ha diciotto anni ormai, e lavora come fioraia. I suoi fiori sono tra i più richiesti della città, regalano la felicità e curano l'anima. Ma Victoria non ha ancora trovato il fiore in grado di rimarginare la sua ferita. Perché il suo cuore si porta dietro una colpa segreta. L'unico capace di estirparla è Grant, un ragazzo misterioso che sembra sapere tutto di lei. Solo lui può levare quel peso dal cuore di Victoria, come spine strappate a uno stelo. Solo lui può prendersi cura delle sue radici invisibili. 


 
Recensione:

Avevo letto recensioni contrastanti, ma questo libro mi ha fulminato. In senso buono.
E' un libro intenso, pieno di paure, sogni, frasi non dette, profumo e fiori. Conosciamo Victoria, nei suoi diciotto anni, e lei bambina, in un'alternanza di capitoli.
Pian piano veniamo a sapere perché ha certi comportamenti, molte paure, e sogni per lei irrealizzabili.
Capisco perché qualcuno ha detto che avrebbe alcune volte preso a sberle la protagonista. Alcuni suoi ragionamenti ci faranno cadere la braccia, ma alla fine è una ragazza come tante, paurosa del futuro, dei suoi sentimenti, e di far del male agli altri.
E' un'orfana che ha passato molte, troppe famiglie. Mi ha stregato la sua conoscenza profonda dei fiori e dei loro significati.
Alcune volte era troppo enfatizzata la rabbia e la cattiveria di victoria, che solo nelle ultime pagine riesce a calmarsi. Il libro tratta temi impegnati, che inevitabilmente lasciano il segno nel lettore. Trovo che sia molto bello poter leggere un romanzo e vivere attivamente, attraverso la riflessione, quello che accade nella storia narrata. Scrittura molto scorrevole con capitoli brevi che agevolano la lettura. Ottima scoperta!

Ora aspetto con ansia il nuovo libro di Vanessa. Non vedo l'ora di leggerlo.

P.S.
Appena avete finito di leggere questo libro, andate in un vivaio. Io per caso l'ho fatto, ed è stato stupendo. Girovagavo per le stradine, tra tanti fiori profumati e colorati... che bellezza!


Questo libro rientra nella Bookish Advisor 2015 Reading Challenge come: Un libro di un autore che ami che non hai ancora letto.





L'Autrice:

Vanessa Diffenbaugh si è laureata a Stanford in Scrittura Creativa e in Educazione Artistica. Ha lavorato a lungo e lavora tutt'oggi in associazioni no-profit aiutando e accogliendo giovani "a rischio", senzatetto e bambini in affido. Lei e il marito sono genitori biologici di due bambini di 2 e 3 anni, Gracida e Miles — mentre loro dormivano lei ha scritto il libro — ma hanno anche in affido il giovane Trevon Lyle. Vanessa inoltre gestisce una rubrica mensile sull'educazione dei figli nel giornale locale di Sacramento.
Il linguaggio segreto dei fiori (Garzanti 2011) è il suo primo romanzo. È un fenomeno editoriale quasi senza precedenti. Conteso da tutti gli editori del mondo, è stato venduto in trenta paesi, dopo aste agguerrite e cifre record. In uscita contemporanea in tutto il globo, racconta, attraverso uno dei personaggi
più straordinari mai creati, una storia di forza e di coraggio, di redenzione e di sofferenza, di amore e di incredibile sete di vita.

1 commento:

  1. Alessia! ♥ Io l'ho amato completamente! Anche Le ali della vita è altrettanto bello ^^

    RispondiElimina