Amazon+clickBank

mercoledì 13 gennaio 2016

RECENSIONE: Big game - Caccia al presidente (Dan Smith)


Titolo: Big Game - Caccia al presidente
Autore: Dan Smith
Editore: Piemme
Collana: Il Battello a vapore
Pagine: 261 p.
Prezzo: 16,00 Euro
Anno: Giugno 2015


Trama:
Armato unicamente di arco e frecce, Oskari viene lasciato solo nella gelida foresta finlandese. Prima di compiere tredici anni, infatti, dovrà dimostrare al proprio villaggio di essere diventato un cacciatore, e quindi un uomo. Ma quello che doveva essere solo un rito di iniziazione si trasforma presto in una spietata caccia all'uomo: un gruppo di terroristi è riuscito ad abbattere l'Air Force One e ha intenzione di uccidere il presidente degli Stati Uniti d'America...


Recensione:
Questo è un libro pieno di avventura e phatos. Ai due protagonisti ne succedono davvero tutti i colori, e l'adrenalina sale ad ogni pagina. E' la tipica caccia all'uomo, piena di colpi di scena, scontri con i cattivi e ingegno.
Troviamo il protagonista principale, il giovane Oskari, che si trova nella foresta per superare la prova per diventare uomo. E per fortuna si trova lì. Riesca a schivare l'aereo che è caduto e i suoi caccia di protezione. Si preoccupa di aiutare il presidente degli stati uniti, e tira fuori il suo lato adulto, le sue conoscenza, la sua intelligenza.
E' un percorso di crescita, dove vincere le proprie paure e sopravvivere con il poco a disposizione.
Questo romanzo è come un thriller, con colpi di scena, proiettili, cattiveria, piani segreti, tradimenti e una vera amicizia che nasce tra l'uomo più potente del mondo e un tredicenne che si affaccia nel mondo.
Ottima lettura per ragazzi, e vi invito a vedere il film che è stato tratto dal libro. Non vedo l'ora, mi terrà col cuore in sospeso per tutto il tempo.


L'Autore:
Ha vissuto tre vite. La prima è stata la monotona quotidianità della scuola dell’obbligo; nella seconda ha girato il mondo a caccia di avventure dalle risaie del Sud Est asiatico alle giungle del Brasile; la terza è in un mondo tutto suo, dove inventa le storie che poi scrive e in cui alcuni sostengono trascorra la maggior parte del tempo.

 

Nessun commento:

Posta un commento