Amazon+clickBank

martedì 24 maggio 2016

RECENSIONE: L'invenzione dei desideri (Sharon Cameron)


Titolo: L'invenzione dei desideri
Autore: Sharon Cameron
Editore: Mondadori
Collana: I Grandi
Uscita: 2016
Pagine: 349 p.
Prezzo: 17,00 €


Trama:
Sono passati più di diciotto mesi da quando Lane è partito da Stranwyne Keep, e nonostante il governo inglese abbia dato notizia della sua morte, Katharine non smette di aspettarlo, convinta che il giovane di cui è innamorata sia ancora vivo. Una notte, mentre la casa è sprofondata nel sonno, due uomini mascherati si introducono nella tenuta del Borgo per catturare zio Tulman, lo scienziato inventore di creazioni meccaniche così geniali e rivoluzionarie da fare invidia anche agli insospettabili. La Corona inglese, infatti, vorrebbe lo zio sotto la sua custodia, ma Katharine non può arrendersi: è arrivato il momento di partire. Gli eventi la condurranno a Parigi, città dai mille volti e dalle mille orecchie, dove vengono intessuti piani oscuri. Katharine dovrà ricorrere a tutta la sua forza per difendersi, in una disperata ricerca dell'amore e della verità che dai sotterranei di Parigi la porterà fin nelle stanze dell'imperatore.


Recensione:
Sono finalmente riuscita a leggere il secondo romanzo di questa serie. Da un po' lo aspettavo e ho trovato ora il tempo per immergermi in queste nuove avventure.
All'inizio non riuscivo a entrare nella storia, forse dimentica degli ultimi momenti del primo libro. Poi la dolce combattiva Katharine mi ha trascinato nella sua fuga verso un posto migliore, per lei e lo zio genio.
Ci si sposta quindi a Parigi, dopo un viaggio rocambolesco, pieno di sotterfugi e mazzette. Le giornate nella capitare francese passano all'insegna delle stranezze e dell'imprevedibilità. C'è stato un momento nel quale mi sono rattristata, e molto. Ma soprattutto per la giovane Tulman.
Meno male che chi non c'era ora c'è, e la storia corre verso il finale come un treno, tra il nero della notte, gli intrighi di corte e i sotterranei puzzolenti della città.
La scrittura rimane fluida, i personaggi nuovi sono molto caratterizzati, quasi comici sotto alcuni aspetti. I vecchi protagonisti principali sono cresciuti, migliorati o pieni di angosce. Ma l'amore trionfa sempre.
Ho impiegato diversi giorni per finire questo romanzo, per impegni personali e il numero ragguardevole di pagine.
Ma Ottimo è il giudizio. Speriamo che la Cameron continui a scrivere... devo sapere cosa succederà!


L'Autrice:
Sharon Cameron, insegnante di pianoforte, appassionata di teatro, è sposata e ha tre figli. Adora la Scozia, l'Irlanda, le storie in costume e tirare con l'arco. Il suo libro d'esordio, La fabbrica delle meraviglie, ha vinto numerosi premi, consacrandola autrice "originale, romantica e geniale".
E' nata e cresciuta a Nashville in Tennessee. E' stata insegnante di pianoforte,mamma a tempo pieno, una genealogista part-time a titolo gratuito. Presidentessa di un gruppo teatrale no profit della sua città, e coordinatrice della Società del libro e illustrazione per bambini Midsouth Conference. Oggi vive con la sua famiglia a Nashville e coordina ancora la Midsouth Conference Society. E' scrittrice, l'unico lavoro retribuito, tra i tanti che fa. Il suo sogno è quello di trovare un passaggio segreto...


La serie The Dark Undwinding è composta così:
1.(The Dark Unwinding #1) La fabbrica delle meraviglie
2.(The Dark Unwinding #2) L'invenzione dei desideri


1 commento:

  1. Dalla tua recensione si capisce che il libro è molto carino e anche questo ha una copertina che stuzzica la curiosità. Però non riesco a leggere serie che non sono completate o dalla curiosità mi viene l'orticaria XD quindi credo che arrivi alla fine! ;)

    RispondiElimina