Amazon+clickBank

lunedì 24 ottobre 2016

RECENSIONE: La via del male (Robert Galbraith)



Titolo: La via del male
Autore: Robert Galbraith
Editore: Salani
Uscita: 2016
Pagine: 603 p.
Prezzo: 18,60


Trama:  
Quando un misterioso pacco viene consegnato a Robin Ellacott, la ragazza rimane inorridita nello scoprire che contiene la gamba amputata di una donna. L'investigatore privato Cormoran Strike, il suo capo, è meno sorpreso, ma non per questo meno preoccupato. Solo quattro persone che fanno parte del suo passato potrebbero esserne responsabili - e Strike sa che ciascuno di loro sarebbe capace di questa e altre indicibili brutalità. La polizia concentra le indagini su un sospettato, ma Strike è sempre più convinto che lui sia innocente: non rimane che prendere in mano il caso insieme a Robin e immergersi nei mondi oscuri e contorti degli altri tre indiziati. Ma nuovi, disumani delitti stanno per essere compiuti, e non rimane molto tempo...


Recensione: 
Solito bel libro della Salani e della mia adorata Rowling. Cormoran ha sempre a che fare con criminali incalliti o psicopatici. E per questo motivo la cara Robin riceve una gamba di donna, e ne rimane sconvolta.
L'inizio del libro mi è risultato un po' lento, ed è per questo che ci ho impiegato un bel po' ad ingranare! E' vero che sono comunque 600 pagine, ma sono poi riuscita a districarmi!
Cormoran e Robin inseguono i loro sentimenti contrastanti, in un valzer di dubbi, frustrazione e indecisioni.
Non posso che amare questo thriller ma i precedenti erano più scorrevoli. L'autrice è riuscita comunque ad approfondire molti aspetti delle vite dei suoi protagonisti, rimbalzando da un sospettato all'altro, tra pedinamenti, umiliazioni e colpi di genio.
In questo romanzo c'è molta più violenza, una caccia serrata al serial killer, con piccoli capitoli visti dal punto di vista dell'assassino, e gli altri con le rocambolesche avventure e disavventure di Cormoran e Robin.
E' un intreccio complesso e molto sottile, con colpi di scena e fiato sospeso. Da leggere, tralasciando la lunghezza e altezza del tomo!



L'autore: 
Pseudonimo della scrittrice J. K. Rowling.
Joanne Kathleen Rowling scrive storie da quando era bambina, e ha sempre desiderato diventare scrittrice. è divenuta famosa in tutto il mondo grazie alla saga di Harry Potter.
Con lo psedudonimo di Robert Galbraith ha pubblicato due romanzi per adulti: Il richiamo del cuculo (2013) e Il baco da seta (2014), entrambi editi da Salani.

Maestra indiscussa nella creazione di mondi, J.K. Rowling in questo terzo volume della serie, non solo è capace di trascinarci in una storia intricata e appassionante, ma apre una piccola breccia nel cuore dei suoi protagonisti, Strike e Robin, che finalmente verranno smascherati. Il colpo di scena è d’obbligo per chi come K.J. Rowling sostiene da anni il mercato editoriale con le sue storie. Per noi non può essere che una conferma: abbiamo una nuova, avvincente serie poliziesca, da prendere assolutamente sul serio.




2 commenti:

  1. Mi incuriosisce parecchio, prima o poi lo prenderò. Diciamo che zia Jo è sempre zia Jo, anche se di mio non amo molto i gialli!

    RispondiElimina
  2. A me sono piaciuti tutti molto e sono in attesa del prossimo :D

    RispondiElimina