Amazon+clickBank

domenica 13 aprile 2014

RECENSIONE: Memorie di un esorcista (Padre Gabriele Amorth)


Marco Tosatti ha intervistato uno degli esponenti più autorevoli tra gli esorcisti nel mondo. Ho comprato questo libro spinta da una forte curiosità, dal fatto che avevo sentito parlare di quest'uomo, e dall'ignoranza sull'argomento.

Descrizione:
I più lo conoscono come il più famoso esorcista al mondo, cui sono stati dedicati numerosi libri, decine di trasmissioni televisive, migliaia di pagine internet. Questo è Padre Gabriele Amorth, sacerdote paolino. Pochi sanno però che, prima di diventare sacerdote, ha fatto la guerra, è stato partigiano e si è laureato in giurisprudenza. Fine teologo mariano, è stato per molti anni direttore della prestigiosa rivista paolina "Madre di Dio". Poi, l'incredibile svolta. È il cardinale Ugo Poletti che, a Roma, lo invita ad affiancare quel grande esorcista che era Padre Candido, affidando a Padre Amorth l'incarico ufficiale di esorcista. È l'inizio di quella che lui stesso definisce la sua "professione", che lo pone a tu per tu con il demonio ogni giorno, attraverso riti esorcistici e preghiere di liberazione che cercano di recare sollievo alle numerose persone che a lui, continuamente, si rivolgono. Una pratica quotidiana di lotta contro Satana che ha fatto di Padre Amorth, attraverso l'esperienza di decine di migliaia di esorcismi, il massimo esperto riconosciuto in tema di esorcismo e lotta al maligno. Attraverso la testimonianza in prima persona dell'esorcista più famoso al mondo, emerge una serie impressionante di storie che si fanno leggere d'un fiato e testimoniano quanto sia potente il male. E quanto più potente ancora sia l'attività di quei ministri di Dio che, come Padre Amorth, hanno fatto della propria vita una quotidiana lotta contro Satana.

Nulla mi avrebbe preparato a quello che ho letto. Se uno non si fa suggestionare, può leggere questo libro tutto d'un fiato. Io ho trascinato il tutto per più di una settimana, leggendo di giorno e cercando stanze con presenti altre persone.
Il male esiste, e bisogna farci davvero attenzione. Molte cose che non conoscevo ora mi rendono più attenta e fiera di essere "di Dio".

Nessun commento:

Posta un commento