Amazon+clickBank

venerdì 21 luglio 2017

IN MY MAILBOX 2017 - 7#: La felicità delle piccole cose, Undici minuti, Maximum Ride, In morte di una cicala, Non ditelo allo scrittore

In My Mailbox è la rubrica ideata da Kristi del blog The Story Siren,
e che io seguo su "Ombre Angeliche".
Consiste nel presentare i libri acquistati, regalati,
prestati o ricevuti dalle case editrici e gli autori.


Ciao a tutti,
Eccomi tornata all'appuntamento che amo di più... mostrarvi i miei ultimi arrivi!!!




- LA FELICITA' DELLE PICCOLE COSE (Caroline Vermalle)
Piccolo libro avuto in scambio... mi ispira moltissimo!

- UNDICI MINUTI (Paulo Coelho)
Coelho mi piace molto, ora ho finalmente un altro suo libro da leggere.

- MAXIMUM RIDE - L'esperimento Angel (James Patterson)
E' uno scambio-esperimento. Vediamo se questa trama mi prenderà.

- IN MORTE DI UNA CICALA (Maria Silvia Avanzato)
Maria Silvia la Adoro. Con i buoni Feltrinelli compro sempre i suoi libri.

- NON DITELO ALLO SCRITTORE (Alice Basso)
Trovato per caso il terzo capitolo della basso al Libraccio, al 50% !!!







martedì 18 luglio 2017

PUBBLICITA': Brucia per me (Federica Leva)



Buongiorno cari lettori!
Oggi vi presento il nuovo romanzo di Federica Leva, che ho conosciuto qualche mese fa, quando ho presentato il suo romance "Bugiardo per amore".
Eccoci qui con un nuovo titolo, "Brucia per me".
Il romanzo è uscito il 27 giugno di quest'anno, e non ve lo dovete perdere se amate le letture un po' hot.




Romance contemporaneo con parti hot
Pagine 335
In ebook e KU. Presto anche in cartaceo.


Sinossi:
Alec Blackmore non si è mai curato delle chiacchiere e dei giornalisti. Amministratore delegato di una famosa azienda di cosmesi, è molto richiesto dalle donne e non teme di infangarsi la reputazione, quando il suo migliore amico gli propone di fingersi il suo fidanzato, durante una vacanza in montagna. La copertura è indispensabile perché nessuno importuni Sebastian, appena uscito da una clinica dopo un tentativo di suicidio. Ad Aspen, però, Alec incontra Sheryl e l’attrazione è reciproca, quasi feroce. Ogni sguardo è una scintilla, ogni carezza porta con sé il brivido del fulmine. Credendo che lui sia impegnato con un altro uomo, Sheryl cerca in tutti i modi di non lasciarsi coinvolgere, ma Alec non è abituato a essere respinto. Vuole farla crollare con tutte le sue convinzioni, e intesse un incantesimo in cui rischiano di farsi male entrambi. Perché Sheryl ha un segreto, nel suo passato, e lui rischia di perdere tutto, con quel gioco d’inganni…


Primo estratto
Lasciò il fiore di scatto e si guardò il dito, macchiato sul polpastrello da un rubino di sangue. Fece per portarselo alle labbra, ma lui fu più rapido, le prese la mano e sfiorò la piccola ferita con la bocca. Sorridendole con gli occhi, aprì le labbra in un bacio e fece scorrere la lingua sulla sua pelle in una carezza lenta e provocante.
Sheryl si dimenticò di respirare; dimenticò la musica, le montagne innevate, il suo nome. Le parve di esplodere in una costellazione di brividi accecanti, gli occhi incatenati a quelli predatori dello sconosciuto. 
E d’improvviso, quel fuoco che si era sbriciolato in cenere, durante il suo infelice matrimonio, le divampò dentro come un incendio. Sentì le maree del desiderio montarle nel sangue, roventi e inarrestabili, come se lui fosse stato la luna e lei un oceano incandescente, impaziente di raggiungerlo.
Le era mai accaduto di provare un’attrazione così folle e impetuosa per uno sconosciuto? No, non che ricordasse, ed era travolgente, un tremore spaventoso e meraviglioso nello stesso tempo…


Secondo estratto
Aggrappata con le mani alla roccia, gli occhi fissi nel tramonto che si stava spegnendo, Sheryl non osava respirare. Non osava pensare. Ogni cosa, in lei, era un’esplosione di emozioni. Di lussuria, di dissolutezza. Di assoluto, incontenibile desiderio. 
Contro la sua volontà, inarcò la schiena e reclinò la testa all’indietro, sulla spalla di Alec, e si morse un labbro per non gemere. 
Che cosa stava facendo? Era nuda e svelata allo sguardo dell’uomo più bello che avesse mai conosciuto. E si stava lasciando toccare, palpeggiare e frugare come se fossero stati amanti insaziabili, bramosi, irrefrenabili. 
Ed era bello, meravigliosamente, diabolicamente bello!
All’improvviso, Alec si fermò. Le avvolse la conchiglia pulsante nel palmo e per qualche momento rimase così, immobile, la guancia posata contro la sua, il respiro corto e affannato. Si era già stancato? L’aveva solo provocata per saggiare quanto fosse debole? Che brutto bastar…!
«Ah!»
Senza preavviso, Alec la penetrò con un dito e con il palmo iniziò a massaggiarla sulla perla turgida. Sheryl si sentì sciogliere come cera fusa e s’addossò contro di lui, incapace di restare in piedi, nel dolce dondolio dell’acqua. Era smaniosa, abbandonata alla magica tortura delle sue mani, perduta. Alec la baciò sulla fronte e la mordicchiò ancora sul collo.
«Godi, mia sirena. Godi per me!»

Terzo estratto
Aveva provato a resistere ma, anche se avesse potuto lottare contro di lui, non poteva mentire a se stessa. Voleva le sue mani su di sé, la sua bocca spalancata sulla pelle e quel dito invadente, che aveva appiccato un incendio laddove nessun uomo s’inoltrava da oltre tre anni. E adesso avrebbe distrutto il mondo con un urlo, se qualcuno li avesse fermati, se qualcuno avesse osato derubarla di quell’orgasmo che stava montando dal cuore della sua femminilità come un cavallo selvaggio. Il dito di Alec sapeva quali corde tirare e finalmente quella tensione insopportabile scoppiò, come una nuvola trafitta da una freccia. Il tramonto scomparve e ogni cosa venne inghiottita da un velo nero e accecante. Rapida, la mano che le torturava il seno salì a tapparle la bocca, e lei urlò, un grido selvaggio, liberatorio. Anche il respiro di Alec era affannato, e una manciata di secondi più tardi lui le si addossò contro con un ringhio soffocato, spingendola contro le rocce. 

«Scusa» mormorò sulla sua nuca. «Scusa.»







++++++++++++++

lunedì 17 luglio 2017

RECENSIONE: I regni del fuoco 3° - Nel cuore della foresta (Tui T. Sutherland)



Titolo: Nel cuore della foresta
Saga: I regni del fuoco III°
Autore: Tui T. Sutherland
Editore: Il Battello a Vapore - Piemme
Uscita: Aprile 2017
Pagine: 367 p.
Prezzo: 15,00 €



Trama:
I draghi del destino non sanno cosa aspettarsi dal misterioso Regno della Foresta. Le antiche pergamene rivelano molto poco dei suoi abitanti. Sotto la guida attenta di Glory, i cinque amici si sono spinti fino ai margini della foresta pluviale e hanno scovato le prime tane degli Ali di Pioggia nascoste tra le cime degli alberi secolari. In apparenza nel villaggio la vita procede tranquilla, ma qualcosa non torna... da qualche tempo si verificano strane sparizioni di cui nessuno sembra preoccuparsi, nemmeno la regina. E se l'intervento di Glory e dei suoi compagni trasformasse il pacifico Regno della Foresta nel teatro della più feroce delle guerre?





                                                               

Recensione:

Come sempre, questi draghi mi piacciono moltissimo. Ognuno ha la sua personalità, e grazie alle proprie qualità, riesce a superare tutte le difficoltà che si incontrano nel cammino.
In questo terzo romanzo, la protagonista è la piccola Ali di Pioggia, Glory. Scopre il suo regno, i suoi abitanti e molte delle loro discutibili abitudini.
Ma la caparbietà di Glory aiuterà quei draghi fannulloni a darsi una svegliata. Glory sarà coraggiosa, ma senza l'aiuto dei suoi amici non potrebbe fare nulla.
E ai vecchi amici, i draghi della profezia, si aggiungono degli Ali di Pioggia che usciranno dal gruppo, e aiuteranno Glory a salvare i draghi scomparsi.
Tutti con le loro paure, con i loro talenti, e il coraggio di cambiare e diventare degli eroi.
Bellissimo libro, non vedo l'ora di leggere il seguito "L'oscuro segreto".




L'Autrice:
Tui è nata a Caracas, in Venezuela, il 31 luglio (come Harry Potter!) e ha vissuto in Paraguay, a Miami e a Santo Domingo. Approdata nel New Jersey, ha rinunciato a una carriera in teatro per darsi con maggior successo alla scrittura. Oltre alla serie bestseller I Regni del Fuoco, composta da La profezia dei cinque draghiLa principessa perdutaNel cuore della foresta e da altri sette romanzi ancora inediti in Italia, ha scritto più di trenta libri sotto diversi pseudonimi. Abita in Massachusetts con il marito, due bambini e il cane Sunshine.


giovedì 13 luglio 2017

INTERVISTA alla Casa Editrice Terre di Mezzo Editore


Buongiorno lettori,
oggi ho scelto di dare visibilità alla casa editrice Terre di Mezzo.


Ecco a voi le domande e le loro risposte: alle domande ha risposto Davide, editor di Terre di mezzo Editore.


1. QUANDO E COME È NATA LA CASA EDITRICE, E QUAL ERA LA VOSTRA IDEA DI PARTENZA?

La casa editrice è nata nel 1994. All'inizio pubblicavamo un "giornale di strada" che usciva con cadenza mensile, era scritto da giornalisti professionisti e veniva venduto - come suggerisce il nome - in strada, da persone in difficoltà che in questo modo potevano contare su un'entrata economica legale. L'idea era quella di raccontare le storie che non trovavano spazio adeguato sui media tradizionali: città migranti, commercio equo e solidale, turismo responsabile, ecc. I libri sono arrivati gradualmente, negli anni successivi, e la casa editrice l'abbiamo costruita un passo dopo l'altro.

2. COME SI STRUTTURA LA VS. PRODUZIONE EDITORIALE?

Il nostro catalogo è organizzato in più collane, a seconda dei temi trattati e dei generi: libri per bambini, guide, narrativa... Le collane più forti, al momento, sono "L'Acchiappastorie", dedicata agli albi illustrati e alla narrativa per bambini e ragazzi, e i "Percorsi", dove trovano spazio guide per camminatori.

3. QUAL È IL FILO COMUNE CHE LEGA LE VS. PUBBLICAZIONI?

Siamo attenti alle storie "nascoste", alla sostenibilità (ambientale, ma anche nelle relazioni umane), a chi vive ai margini della società, ai diritti, alla legalità. Nei libri che pubblichiamo - che per noi sono dei luoghi d'incontro e non solo veicoli di storie - cerchiamo vicende forti e, in generale, un'elevata qualità dei contenuti, che siano scritti o illustrati.

4. QUANTI TITOLI PUBBLICATE L'ANNO?

Ogni anno pubblichiamo 45-50 novità, cui si aggiungono le varie ristampe dei titoli di catalogo.

5. COME SCEGLIETE GLI AUTORI DA PUBBLICARE?

Valutiamo le proposte che ci arrivano dalle agenzie letterarie o dalle case editrici straniere, ma anche direttamente dagli autori, partecipiamo alle fiere di settore (in primis la Fiera del libro per ragazzi di Bologna) e così via. Le idee per diversi nostri libri - in particolare le guide - nascono all'interno della casa editrice, e in questo caso siamo noi a cercare gli autori adatti per ogni singolo progetto.

6. QUALI SONO I TITOLI CHE HANNO RICEVUTO UNA MIGLIORE ACCOGLIENZA DA PARTE DEL PUBBLICO IN TERMINI DI VENDITA?

Sono parecchi! Pensando agli ultimi anni: "La grande fabbrica delle parole", "Chiedimi cosa mi piace" e la serie di "Dory Fantasmagorica" per la collana "L'Acchiappastorie"; la "Guida al Cammino di Santiago de Compostela" per la collana dei "Percorsi", "Il ragazzo selvatico" di Paolo Cognetti nella "Narrativa".

7. QUANTO SONO DIFFUSI E CONOSCIUTI I VOSTRI LIBRI IN ITALIA? SIETE SODDISFATTI DELLA DISTRIBUZIONE E DELLA VISIBILITÀ A VOI RISERVATA IN LIBRERIE, BIBLIOTECHE, ECC.?

Da anni i nostri libri arrivano nella librerie di tutt'Italia (che siano indipendenti o di catena) in gran parte grazie a Messaggerie, il principale distributore nazionale, mentre curiamo direttamente i rapporti con librerie più piccole, ma non per questo meno importanti. La visibilità è andata crescendo nel tempo, e siamo sempre più un punto di riferimento in particolare per il settore bambini/ragazzi e per i percorsi a piedi. Quindi sì, siamo soddisfatti, ma si può sempre migliorare.

8. QUAL È L'ASPETTO PIÙ COMPLICATO DEL VOSTRO MESTIERE?

Trovare i libri giusti da pubblicare, e poi farli conoscere. Ogni anno in Italia escono circa 60.000 novità, e non è semplice farsi notare.

9. QUALI PROGETTI E AMBIZIONI COLTIVATE PER IL FUTURO?

Vorremmo continuare a pubblicare buoni libri, rafforzando sempre più il nostro legame con le librerie e con i lettori.

10. PERCHÈ LA CASA EDITRICE HA QUESTO NOME?

Perché l'idea originaria (che vale ancor oggi) era quella di esplorare e raccontare - come spiega Miriam Giovanzana, direttore editoriale - "quei luoghi desolati, eppure talvolta splendidi, che dividono due nazioni, due modi di essere, due culture".



Un grazie immenso a Davide e
a tutta la Casa Editrice per la grande disponibilità.
Andate a scoprire tutti i loro titoli sul SITO.




sabato 8 luglio 2017

PUBBLICITA': Ulfhednar War - La guerra dei lupi (Alessio Del Debbio)



Titolo libro: LA GUERRA DEI LUPI
Saga: ULFHEDNAR WAR
Autore: Alessio Del Debbio
Editore: Edizioni Il Ciliegio
Genere: fantasy contemporaneo
Formato: cartaceo
Pagine: 412 p.
Prezzo: 19,50 euro
Data di uscita: 8 giugno 2017



TRAMA:
Amici da anni, Ascanio, Daniel, Marina e la loro compagnia di Viareggio non desiderano altro che trascorrere una tranquilla vacanza insieme, ma il destino ha altro in serbo per tutti loro. Gli ulfhednar di Odino sono tornati e la Garfagnana non è più un posto sicuro da quando Raul ha preso il comando del branco del Vello d’Argento. Spetta ad Ascanio, ultimo discendente di una stirpe di officianti della Madre Terra, contrastare i suoi progetti di dominio, aiutato dal suo compagno Daniel, un ulfhedinn fuggiasco che ha imparato ad apprezzare la vita tra gli uomini. Ma dietro le mire espansionistiche del violento e indegno Alfa si nasconde un’ombra antica, disposta a tutto pur di aggrapparsi alla vita. 
«Per questo continuiamo a provare. Per rendere onore a chi è caduto, per vincere le nostre paure e promettere a noi stessi di non fallire più.»
Ambientato in Toscana, tra Viareggio e le montagne della Garfagnana, il libro mescola mitologia nordica e celtica a storia e leggende toscane, alternando, con ritmo incalzante e colpi di scena, capitoli nel presente e altri nel passato. 



Estratto: 
«A nessun uomo dovrebbe essere concesso di vivere così a lungo, di non provare la malattia né la vecchiaia, di pretendere di essere un Dio. È la brevità, assieme all’impossibilità di averne una seconda, ciò che rende la vita un bene prezioso, degna di essere vissuta in ogni attimo. Se invece la morte diventa uno spauracchio per bambini e l’esistenza infinita, allora non è più vita. È banalità. È immeritata sopravvivenza. È trascinarsi di giorno in giorno senza sapere perché». (Johanna)


                                                       


Link acquisto:


Biografia autore: 
Alessio Del Debbio, scrittore viareggino, appassionato di tutto ciò che è fantastico e oltre la realtà. Numerosi suoi racconti sono usciti in riviste (come Con.tempo e StreetBook Magazine) e in antologie, cartacee e digitali (come I mondi del fantasy, di Limana Umanìta Edizioni, Racconti Toscani, di Historica Edizioni, Sognando, di Panesi Edizioni). I suoi ultimi libri sono Favola di una falena (Panesi Edizioni, 2016), Ulfhednar War – La guerra dei lupi (Edizioni Il Ciliegio, 2017). 
Cura il blog “I mondi fantastici” che promuove scrittori di fantasy italiano. Scrive articoli per il portale di letteratura fantastica “Le lande incantate”. È presidente dell’associazione culturale “Nati per scrivere” che d’estate organizza la rassegna “Un libro al tramonto” – Aperitivi letterari a Viareggio, per far conoscere autori toscani.


Contatti autore: 
Pagina Facebook “I mondi fantastici – Alessio Del Debbio”: https://www.facebook.com/alessio.deldebbio/
Blog “i mondi fantastici”: www.imondifantastici.blogspot.it
Associazione Culturale "Nati per scrivere": www.natiperscrivere.webnode.it 



venerdì 7 luglio 2017

RECENSIONE: La pioggia porterà le violette di maggio (Matteo Corradini)


Titolo: La pioggia porterà le violette di Maggio
Autore: Matteo Corradini
Editore: Lapis Ed.
Uscita: 2017
Pagine: 200 p.
Prezzo: 12,50 €



Trama:
Clara per il suo compleanno riceve in dono un vecchio clarinetto. Dal doppiofondo della custodia salta fuori una busta ingiallita con un nome, proprio il suo. Una Clara di tanti anni fa… Ma chi era? E chi era Samuel, autore del biglietto contenuto nella busta? Clara vuole conoscere questa storia e sale a bordo di un furgoncino con una
band di metallari, per la città di Praga. Le ricerche si concludono nella cittadina di Terezin. Qui si trovava un campo di prigionia degli ebrei…



Recensione:
Ho adorato questo piccolo gioiello tra i romanzi. E' una storia coinvolgente, da non staccar gli occhi dalle pagine. La lettura è molto fluida, il tempo presente dà alla scrittura un ritmo veloce e costante.
La dolcissima Clara vuole scoprire un segreto sepolto dal tempo, un amore dal passato, e riesce a coinvolgere il fratello con la sua band.
Ne nascerà un'avventura mirabolante, un susseguirsi di scoperte con nuovi amici e nuove storie da imparare. Tutte le persone che Clara incontrerà la porteranno sempre più vicina nella sua ricerca, e sempre più indietro nel tempo.
L'argomento di fondo è la Shoah, la deportazione e la ghettizzazione degli ebrei in Polonia e in particolare a Terezin.
Ma l'argomento, seppur terribile e senza pari, viene trattato con una dolcezza infinita, e una semplicità che disarma.
Ho adorato ogni singola lettera... Grazie Matteo Corradini.


                                                            

L'Autore:
Nato nel 1975, Matteo Corradini è ebraista e scrittore. Pubblica con Rizzoli e Salani. Dottore in Lingue e Letterature Orientali con specializzazione in lingua ebraica, si occupa di creazione, didattica della Memoria, espressione. È tra i curatori del festival scrittorincittà (Cuneo). Fa parte del team di lavoro del MEIS, Museo Nazionale dell'Ebraismo Italiano e della Shoah, e della Festa del Libro Ebraico (Ferrara). Collabora con Avvenire - Popotus. Prepara conferenze musicali e regie teatrali. Ha vinto il primo Premio nazionale Alberto Manzi.

SITO WEB DELL'AUTORE: LINK


lunedì 3 luglio 2017

RECENSIONE: Zeroes (S.Westerfeld)



Titolo: Zeroes - Ogni potere ha il suo prezzo
Autore: S.Westerfeld, D.Biancotti, M.Lanagan
Editore: Dana (Rw Ediz.)
Uscita: 23 Febbraio 2017
Pagine: 342 p.
Prezzo: 18,90 €



Trama:
Scam, Crash, Flicker, Mob, Anonymous, Glorioso leader: ragazzi e ragazze dotati di superpoteri, ma tutt'altro che supereroi. Neanche eroi, a dire il vero. Tanto che si fanno chiamare gli Zeroes: gli zeri. Un libro di poteri imperfetti, problemi che da grandi diventano enormi, sparatorie, distruzioni e ancora altri problemi.



Recensione:
Difficile definire questo libro. E' una storia originale, l'idea è che ci siano dei supereroi che non hanno dei poteri fantastici, che vengono usati per salvare l'umanità.
I nostri protagonisti sono ragazzi comuni, sconosciuti, che nascondono i loro strani poteri perché possono essere pericolosi.
Conosciamo i personaggi a poco a poco, mentre fanno capolino nei capitoli. Impariamo i loro nomi, i loro soprannomi da non-eroi e i loro poteri strani e imprevedibili.
Credo che fondamentalmente la trama abbia moltissimo potenziale, ma forse la mia personale idea di super-eroi non è questa descritta nel libro.
Forse sarò una tradizionalista a riguardo, ma non sono riuscita a farmi piacere del tutto il romanzo. Sottolineo che non è colpa dell'autore o della sua scrittura. Direi solo che io ho un'altra idea di eroe e del genere letterario al quale appartiene questo libro.
Sono sicura che molti altri lettori apprezzeranno questo romanzo meglio di me.



l'autore:
Vive tra New York e Sydney, in Australia. Insieme a Christopher Paolini e Stephenie Meyer è stato nominato da Amazon come uno degli autori che hanno rivoluzionato il mondo e il linguaggio della letteratura young adult.
Ha scritto una quindicina di romanzi tra fantascienza, steampunk e young adult, tra cui (pubblicati in Italia) L'ora segreta. I diari della mezzanotte (Newton Compton 2009), Vampirus (Fazi 2008), Apocalypse Vampirus (Fazi) e i primi due volumi della serie Uglies (Brutti e Perfetti, entrambi pubblicati da Mondadori nel 2006 e nel 2007). 
Leviathan (Einaudi 2010) è considerato un punto di svolta nel suo lavoro. È il primo volume di una trilogia (il secondo volume, Behemoth sarà ambientato a Costantinopoli, nell'Impero ottomano).