Amazon+clickBank

martedì 13 novembre 2018

RECENSIONE: La casa per bambini speciali di Miss Peregrine (Ransom Riggs)


Titolo: La casa per bambini speciali di Miss Peregrine
Saga: n°1
Autore: Ransom Riggs
Editore: Bur


TRAMA:

RECENSIONE:
Avevo amato molto il film, me l'ero goduto perché non avevo ancora letto il libro, ma dovevo assolutamente leggere queste storie speciali.
La storia mi ha preso, mi ha trasportato in un mondo parallelo e fermo, dove le persone con poteri speciali sono al sicuro.

L'AUTORE:


“Scrivere mi piace partecipa al Programma Affiliazione di Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it"

+++++

sabato 27 ottobre 2018

RECENSIONE: Wildwood 2 - Nelle profondità del bosco proibito (Meloy-Ellis)


Titolo: Nelle profondità del Bosco Proibito
Saga: Wildwood 2
Autore: Meloy - Ellis
Editore: Salani
Pagine: 576 pp.
Prezzo: 16,80 €
Uscita: 11/04/2013



Trama:
In certi luoghi, la realtà cambia faccia. In certi luoghi, avviene qualcosa che non può essere ignorato, che altera per sempre il modo di vedere le cose. Lo sa bene Prue McKeel, le cui avventure nella Landa Impenetrabile hanno lasciato un vuoto incolmabile nel suo cuore. Da quando è tornata, senza il suo amico Curtis, quel vuoto sembra aver inghiottito la sua attenzione e i suoi interessi, impedendole di riabituarsi alla sua vecchia vita. Né il mondo fantastico – così vicino alla sua casa eppure lontanissimo, impenetrabile – sembra volersi far dimenticare; poco a poco Prue si accorge che le piante, tutte le piante, stanno cercando di parlarle, anzi le stanno urlando qualcosa che non riesce a capire. Come se stessero cercando di metterla in guardia contro un pericolo incombente. E nel frattempo la sua insegnante di scienze, improvvisamente amichevole, sembra invitarla a confidarsi, a raccontarle i suoi segreti. Forse Prue farebbe meglio a tenere la bocca chiusa, ma quando se ne accorge è troppo tardi...
Una storia epica e avvincente, un grande romanzo capace di far rivivere il fascino e le meraviglie dei mondi di Narnia e Hogwarts.
Prosegue la saga iniziata con Wildwood: l’avventura che ogni lettore avrebbe voluto vivere da ragazzo, ambientata in un mondo fantastico che si trova nel bosco vicino a casa, un regno inaspettatamente sconvolto da eventi sanguinosi, governato da leggi misteriose e popolato da creature fantastiche ma incredibilmente reali.



Recensione:
Ho ripreso dopo diverso tempo questa saga, di cui avevo letto il primo volume. Mi era piaciuto questo mondo magico con umani e animali in lotta per la sopravvivenza, il tutto vicino alla città degli umani senza magia...
I giovani protagonisti tornano ora nelle profondità della Landa Impenetrabile, con Curtis che vive ora coi Banditi, e Prue che riesce a scappare da un'assassina e troverà protezione dall'amico e tra i banditi.
Da quel singolo episodio si scatena una caccia all'uomo, una fuga impensabile nelle profondità della terra, con nuovi poteri che sorgono prepotenti, nuovi nemici e nuove alleanze.
Un nuovo libro pieno di avventure, vecchie amicizie che sopravvivono al tempo, coraggio, nuovi piccoli e grandi protagonisti che diventeranno il fulcro per una nuova avventura.
Non vedo l'ora di leggere il terzo libro, spero in una conclusione degna  delle avventure magiche di questi ragazzi... ricordando Hogwarts e l'importanza dei Mezzosangue.


                                                      


L 'Autore:
Colin Meloy una volta scrisse a Ray Bradbury una lettera, specificando di essere uno scrittore come lui. Aveva dieci anni. Poi Colin è diventato cantante e autore degli originalissimi testi della band americana The Decemberists. La saga di Wildwood è il suo debutto nella narrativa.



“Scrivere mi piace partecipa al Programma Affiliazione di Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it"


giovedì 18 ottobre 2018

NaNoWriMo 2018




Mi sto preparando per il NaNoWriMo 2018

E voi? sapete cos'è?
mi faccio aiutare dal web:



Il NaNoWriMo è un’iniziativa ideata accidentalmente nel novembre 1999 a San Francisco da Chris Baty e da “20 other overcaffeinated yahoos” (20 altri super-caffeinati amici). Da allora è divenuto un evento mondiale con 300 mila iscritti all’ultima sessione di novembre 2015 e dal 2005 è anche un’organizzazione no profit in Berkeley, California.
La dicitura NAtional non significa che sia solo un progetto americano, ma indica che ogni Nazione partecipa con un suo gruppo, così che gli iscritti possano comunicare nella propria lingua madre. Qui trovate tutti gli autori registrati, i cosiddetti Wrimos, suddivisi per regione: NaNoWriMo Regions
Partecipare al NaNo è in realtà semplicissimo. Bastano pochi passaggi:
  1. Dopo la registrazione sul sito, va compilata la propria scheda autore per presentarsi agli altri partecipanti e condividere le proprie scelte e preferenze.
  2. Va poi dato un titolo al romanzo che si intende sviluppare durante il NaNo: ai fini del conteggio delle parole, non si dovrà riportare tutto il testo sul sito, ma si potranno inserire una breve sinossi e qualche estratto. Se ce l’avete, potete caricare anche un’immagine per la copertina.
  3. Si deve poi selezionare la propria nazione d’origine per ricevere gli aggiornamenti su eventi locali dal proprio Municipal Liason, ovvero i volontari che hanno già vinto la sfida del NaNoWriMo almeno una volta e che rendono viva e reale la partecipazione al NaNo rispondendo alle domande dei nuovi iscritti e organizzando le attività sia sul forum che nel mondo esterno (biblioteche,
    cafè, librerie).
  4. Via via che ci si inoltra nella sfida del mese di novembre, si guadagnano i distintivi delle singole tappe intermedie, aggiornando il proprio Word Count nella barra del profilo, fino all’agognata soglia delle 50.000 parole.
Lo scopo è scrivere 50.000 parole in un mese, dal 1 al 30 novembre, esattamente 1.667 parole al giorno, che non sono per nulla poche. Corrispondono a un romanzo da circa 140 cartelle (ndr. la cartella è l’unità di misura usata in campo editoriale, corrisponde a 30 righe di testo da 60 battute ciascuna). Più o meno la lunghezza de Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald.
Qual è il premio di tanta fatica? La Gloria, ovviamente!
Non si vince nulla, nè premio in denaro nè la pubblicazione del testo scritto durante la sfida, nemmeno l’editing professionale. Solo un badge virtuale che può essere esposto sul proprio sito per il raggiungimento del goal delle 50.000 parole.

Ma gli obiettivi del NaNo sono principalmente la motivazione e la perseveranza.
Vorrei dire anche sviluppare un’abitudine, ma sono scettica: credo che molti arrivino alla fine del mese stanchi e provati.
Eppure alcuni partecipanti affermano che si impara la disciplina della scrittura: le prime sessioni iniziano con una sorta di violenza fisica per l’obbligo imposto; man mano che ci si addentra nella storia, l’obbligo diventa desiderio di fissare una nuova tappa su carta; finchè il desiderio si trasforma in vera e propria necessità di continuare.
E a ben vedere, il limite imposto di 2000 parole al giorno è lo stesso metodo utilizzato dal grande Stephen King, che concentra la sua attività al mattino ma non si alza dalla scrivania se prima non ha terminato le sue dieci pagine al giorno (ne parla nel suo libroOn Writing, al contempo manuale di scrittura e autobiografia).
Ciò che sconvolge è la quantità incredibile di risorse che vengono messe a disposizione dei partecipanti. Man mano che mi addentravo in questa ricerca, e scoprivo nuovi link, con spunti interessanti per qualsiasi scribacchino, NaNo o alto che sia, mi sembrava di rovistare dentro uno di quegli antichi bauli nascosti in soffitta pieni di tesori inestimabili. 

Il supporto al NaNoWriMo

  • Forum internazionale in lingua inglese: Forums
  • Forum specifico del gruppo italiano: Europe-italy
  • Pagina Facebook internazionale in lingua inglese: NaNoWriMo
  • Gruppo facebook italiano: NaNoWriMo Italia (è un gruppo chiuso, va chiesta l’iscrizione)
  • Canale YouTube con video ispirativi, per sconfiggere il blocco dello scrittore: Letters and Light video
  • Sono anche presenti in TwitterTumblrInstagram Pinterest
  • Archivio dei Pep-Talks: NaNoWriMo Pep-Talks 
    Sono lettere d’ispirazione scritti da autori famosi, quali John Green, Veronica Roth, Rainbow Rowell, Neil Gaiman e, rullo di tamburi, una delle scrittrici a scrivere qualche parola di incoraggiamento per la sessione 2015 è stata Diana Gabaldon, la cui saga Outlander oramai una delle mie preferite.
  • WikiWriMo, l’enciclopedia wiki non ufficiale del NaNoWriMo, in lingua inglese: WikiWriMo 
  • Per contribuire all’organizzazione, si possono effettuare delle donazioni oppure degli acquisti di magliette, cappellini, tazze, posters, adesivi e taccuini con i vari loghi del NaNoWrimo: Merchandise 
A ben vedere il NaNoWriMo è davvero un’esperienza di grande valore.

sabato 6 ottobre 2018

RECENSIONE: Un trono per due sorelle (Morgan Rice) Libro Uno





Titolo: Un trono per due Sorelle
Autore: Morgan Rice
Editore: Morgan Rice, 2017
Pagine: 250 pp.
Prezzo: 0,00 € Ebook
Uscita: 16/11/2017


Link: Un Trono per due Sorelle (Libro Uno)       GRATIS


Trama:
“Morgan Rice è tornata con quella che promette essere un’altra brillante serie, immergendoci in un fantasy di valore, onore, coraggio, magia e fede nel proprio destino. Morgan è risuscita un’altra volta a creare un forte gruppo di personaggi che ci fanno tifare per loro pagina dopo pagina… Consigliato per la collezione di tutti i lettori che amano i fantasy ben scritti.”
Dall’autrice di best-seller numero #1 Morgan Rice arriva un’indimenticabile nuova serie fantasy.
In UN TRONO PER DUE SORELLE (Libro uno), Sofia, 17 anni, e la sua sorella più giovane Kate, 15 anni, vogliono scappare dal loro orrendo orfanotrofio. Orfane, indesiderate e non amate, sognano comunque di crescere altrove, di trovare una vita migliore, anche se questo significa vivere nelle strade della brutale città di Ashton.
Sofia e Kate, che sono anche migliori amiche, si coprono le spalle a vicenda, ma vogliono cose diverse dalla vita. Sofia, romantica e più elegante, sogna di entrare a corte e trovare un nobile di cui innamorarsi. Kate, la combattente, sogna di imparare a usare la spada, di combattere contro i draghi e diventare una guerriera. Sono entrambe unite, però, dal loro segreto: il potere paranormale di leggere nella mente degli altri, l’ultima grazia in un mondo che sembra pronto a distruggerle.
Imbarcandosi entrambe in un’impresa e avventura diversa, lottano per sopravvivere. Sono poste di fronte a scelte che neanche possono immaginare: le loro decisioni potrebbero lanciarle verso il più alto potere o farle scendere nelle profondità più infime.
UN TRONO PER DUE SORELLE è il primo libro di una stupefacente nuova serie fantasy, dilagante di amore, cuori spezzati, tragedia, azione, magia, stregoneria, destino e suspense da far battere il cuore. Un libro di cui è impossibile non girare le pagine, è pieno di personaggi che vi faranno innamorare, e di un mondo che non dimenticherete mai.



Recensione:
Eccomi qui a recensire il mio primo Ebook letto sul nuovo Kobo. Ho trovato comoda la lettura sul nuovo supporto, tenendo in considerazione che alla sera devo addormentare il pupo, e rimanere in camera sua finché non è crollato tra le braccia di Morfeo. E poi così non devo disturbare di sera o mattina presto il maritino, accendendo la luce...
Anche se ho letto questo libro in contemporanea con un altro cartaceo, la storia mi ha preso molto. E' un fantasy di nuovo stampo, non esistono elfi, orchi, draghi, ma c'è comunque magia, avventure, coraggio e amicizia.
Ma anche intrighi, piccoli e grandi problemi, ripicche...
Insomma, l'insieme mi è piaciuto molto, PECCATO CHE la traduzione italiana presenta tanti refusi, piccoli errori che danno tanto fastidio durante la lettura.
Ho trovato questo Ebook per caso, aggirandomi tra i libri gratuiti della libreria Mondadori. E devo dire che l'autrice ha scritto valanghe di parole. I primi libri di ogni serie sono gratuiti...
Ora vedrò se provare ad acquistare il seguito di questo romanzo, oppure provare a leggere qualche altro primo libro, per vedere quanto sia curata l'edizione italiana.
Comunque leggete Morgan Rice, l'ho scoperta per caso e mi è piaciuta.


                                                          


L'Autrice:
Morgan Rice è l’autrice numero uno e campionessa d’incassi della serie epic fantasy L’ANELLO DELLO STREGONE che comprende diciassette libri; della serie campione d’incassi APPUNTI DI UN VAMPIRO che comprende dodici libri; della serie campione d’incassi LA TRILOGIA DELLA SOPRAVVIVENZA, un thriller post-apocalittico che comprende tre libri; della serie epic fantasy RE E STREGONI che comprende sei libri; della nuova serie epic fantasy DI CORONE E DI GLORIA che comprende 8 libri; e della nuova serie epic fantasy UN TRONO PER DUE SORELLE.I libri di Morgan sono disponibili in formato audio o cartaceo e ci sono traduzioni in 25 lingue.

TRAMUTATA (Libro #1 in Appunti di un Vampiro), ARENA UNO (Libro #1 de La Trilogia della Sopravvivenza) e UN'IMPRESA DA EROI (Libro#1 de L'Anello dello Stregone) e L'ASCESA DEI DRAGHI (Re e Stregoni—Libro #1) sono tutti scaricabili gratuitamente su Google Play!

Morgan ama ricevere i vostri messaggi e commenti, quindi sentitevi liberi di visitare il suo sito www.morganricebooks.com per iscrivervi alla sua mailing list, ricevere un libro in omaggio, gadget gratuiti, scaricare l’app gratuita e vedere in esclusiva le ultime notizie. Connettetevi a Facebook e Twitter e tenetevi sintonizzati.





“Scrivere mi piace partecipa al Programma Affiliazione di Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it"

sabato 22 settembre 2018

RECENSIONE: La ragazza delle perle - Le sette sorelle 4° (Lucinda Riley)


Titolo: La ragazza delle perle
Saga: Le sette sorelle 4°
Autore: Lucinda Riley
Editore: Giunti
Pagine: 672 pp.
Uscita: 02/01/2018 
Prezzo: 15,90 €




Trama:
Nel quarto, emozionante capitolo della saga bestseller "Le sette sorelle", Lucinda Riley ci regala una storia ricca di intrighi e passione, di colpi di scena e personaggi indimenticabili: "La ragazza delle perle" è la storia di CeCe.
Da quando Star ha trovato la sua vera famiglia e un nuovo amore,
 CeCe si sente sola, vulnerabile e inadeguata. Ha ormai perso tutto: il rapporto speciale che aveva con la sorella, e anche l’ispirazione per i suoi quadri.
In fuga da una vita in cui non si riconosce più, si ritrova in volo per l’Australia, sulle tracce che il padre le ha lasciato prima di morire: una foto in bianco e nero e il nome di una donna sconosciuta.
Ma quello che doveva essere lo scalo di una notte a Bangkok si trasforma nella prima tappa di un viaggio eccitante e avventuroso. Sulle meravigliose spiagge di Krabi, CeCe incontra Ace, un giovane affascinante, solitario e alquanto misterioso.
Tra un bagno nelle acque cristalline e una cena romantica, Ace l’aiuta a scoprire la storia della sua antenata Kitty McBride, donna forte e coraggiosa, emigrata in Australia agli inizi del Novecento: sulla scia fatale di una rarissima perla rosata, Kitty si ritrova divisa tra l’amore di due fratelli rivali, e al centro delle trame di una famiglia che possiede un vero e proprio impero…
Quando infine CeCe arriva nel caldo feroce del deserto australiano, la sua creatività si risveglia all’improvviso: forse questo continente immenso e selvaggio è davvero casa.



Recensione:
Eccomi arrivata al quarto romanzo della Saga delle Sette Sorelle. Ho conosciuto per caso l'autrice, già affermata scrittrice di romanzi d'amore. E mi sono INNAMORATA della sua scrittura.
La storia è meravigliosa, piena di avventure, di crescita personale, di affetti, di famiglia e tanto altro ancora.
Ho amato le sette sorelle dalle prime pagine sulla vita di Maia, la maggiore delle ragazze. La scrittura fluida di Lucinda mi ha fatto divorare i suoi romanzi in un sol boccone.
Questo ultimo romanzo l'ho "fatto fuori" in soli 6 giorni, e le pagine non sono pochine.
Conosciamo qui la quarta sorella, la difficile, controversa, confusa giovane CeCe. Dovrà imparare a credere in se stessa, a trovare nuovi affetti e la sua famiglia d'origine.
Sarà un viaggio difficile e pieno di soddisfazioni.
In ogni romanzo imparo moltissimo sui paesi e le culture dei paesi delle Sette Sorelle. Con CeCe ho viaggiato in Australia, nel suo caldo torrido e nel deserto inclemente.
Leggete questa saga, è stupenda, non ho altre parole per descriverla.



                                                  



L'Autrice:
Nata in Irlanda, ha iniziato la sua carriera come attrice e ha pubblicato il suo primo libro a 24 anni. I suoi romanzi hanno venduto oltre 13 milioni di copie e sono tradotti in 39 Paesi.
Al momento sta completando la scrittura della saga “Le Sette Sorelle”, basata sul mito delle Pleiadi.
- Le Sette Sorelle (2015)
- Ally nella tempesta (2016)
- La ragazza nell’ombra (2017)
- La ragazza delle perle (2018)
I primi quattro volumi hanno scalato le classifiche di tutta Europa e una casa di produzione hollywoodiana ha acquistato i diritti per una serie tv.

Per Giunti sono inoltre usciti con enorme successo:
- Il giardino degli incontri segreti (2012)
- La luce alla finestra (2013)
- Il segreto della bambina sulla scogliera (2013)
- Il profumo della rosa di mezzanotte (2014)
- L’ angelo di Marchmont Hall (2015)
- Il segreto di Helena (2016)
- La ragazza italiana (2017)
Altre informazioni sui libri di Lucinda Riley sul sito www.lucindariley.com


“Scrivere mi piace partecipa al Programma Affiliazione di Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it"

domenica 16 settembre 2018

RECENSIONE: On Writing - autobiografia di un mestiere (Stephen King)


Titolo: On Writing - Autobiografia di un mestiere
Autore: Stephen King
Editore: Frassinelli
Pagine: 314 pp.
Uscita: 17/11/2015
Prezzo: 9,90 €




Trama:
Alla domanda: "Che cos'è 'On Writing'?" Stephen King ha risposto: "È il romanzo della mia vita, non perché la mia vita sia un romanzo, ma perché la mia vita è scrivere". Ecco perché questo libro è l'autobiografia di un mestiere in cui la storia personale e professionale del Re si fondono totalmente. Il brillante "Curriculum vitae" d'apertura ripercorre gli anni della formazione, in un collage di ricordi che dall'infanzia arrivano al primo, grande successo con "Carrie"; "Cassetta degli attrezzi" è un'acuta e disincantata elencazione dei ferri del mestiere - quali sono, a che cosa servono, come mantenerli efficienti e sempre pronti all'uso; "Sulla scrittura", la parte più interessante per gli addetti ai lavori, illustra le fasi del processo creativo fino all'approdo editoriale; e infine "Sulla vita", ricco di pathos, racconta come King abbia visto la morte da vicino, dopo lo spaventoso incidente in cui è stato coinvolto, e come, grazie alla scrittura, sia ritornato alla vita. Diario, confessione, chiacchierata... "On Writing" abbraccia e supera tutti i generi e, per l'aspirante scrittore, è uno strumento utile, ricco di esempi e riferimenti pratici, capace di affrontare senza fumosità un argomento difficile; per il lettore affezionato è un must in cui potrà ritrovare, nella loro dimensione reale, un'infinità di situazioni, storie e personaggi che hanno ispirato i romanzi di King.






Recensione:
Questo libro è stata per me una bellissima lettura. King racconta la sua vita da scrittore e elargisce ottimi consigli. Non mi capita mai, ma ho preso anche alcuni appunti.
A metà libro, lo scrittore si è anche permesso di chiedere di fare un esercizio. E mi sono presa un'ora, un po' di tempo solo per me, e ho scritto.
Non lo facevo da un bel po', ed è stato bellissimo. La scrittura è fantastica, molto divertente, ironica e piena di battute.
Gli aneddoti di King sono belli e terribili, è splendido leggere da dove ha preso ispirazione per i sui libri, come sono nati, come e dove sviluppa la storia.
E' incredibile che spesso lui non abbia premeditato le trame, ma è partito solo da un'idea nata per caso.

Molto divertente e scorrevole. L'ho divorato. E con spunti interessanti.




L'Autore:
Scrittore statunitense. Autore di romanzi e racconti best seller che attingono ai filoni dell’orrore, del fantastico e della fantascienza, è considerato un maestro nel trasformare le normali situazioni conflittuali della vita – rivalità fra coetanei, tensioni e infedeltà coniugali – in momenti di terrore. 
Quando è ancora piccolo, sua madre deve far fronte a grandi difficoltà, perché il padre uscito di casa per fare una passeggiata non fa più ritorno. 
Nel 1962 inizia a frequentare la Lisbon High School e comincia a spedire i suoi racconti a vari editori di riviste, senza però alcun successo concreto. 
Conclusi gli studi superiori entra all'Università del Maine ad Orono, dove gestisce per un paio d'anni una rubrica all'interno del giornale universitario. Nel 1967 termina un primo racconto breve a cui fa seguito, qualche mese dopo, il romanzo La lunga marcia che riceve giudizi lusinghieri.
Sottopone Carrie alla casa editrice Doubleday e ottiene un assegno di 2500 dollari come anticipo per la pubblicazione del romanzo. 
A maggio arriva la notizia che la Doubleday ha venduto i diritti dell'opera alla New American Library per 400.000 dollari, metà dei quali spettano di diritto all'autore. Così, a ventisei anni, Stephen King lascia l'insegnamento per dedicarsi alla professione di scrittore. Da quel momento la sua carriera non avrà più interruzioni. Nel 1971 si sposerà con Tabitha, conosciuta due anni prima lavorando nella biblioteca dell'Università.
Con un'operazione innovativa, il 14 marzo 2000 diffonderà esclusivamente su Internet il racconto Riding the Bullet. Nell'autunno dello stesso anno pubblicherà On writing: autobiografia di un mestiere, un'autobiografia e una serie di riflessioni su come nasca la scrittura.
Tra i suoi libri più noti si ricordano Shining (1976; il film, del 1980, venne diretto da Stanley Kubrick); La zona morta (1979; versione cinematografica del 1983, per la regia di David Cronenberg); Christine la macchina infernale (1983; il film, dello stesso anno, è di John Carpenter); It (1986, il film è del 1990); Misery (1987; noto in Italia con il titolo Misery non deve morire, la pellicola è stata realizzata da Rob Reiner nel 1990), Mr Mercedes(2014). Tra gli altri ricordiamo: Cuori in Atlantide (2000), La casa del buio (2002), Notte buia, niente stelle (2010), Chi perde paga (2015), Fine turno (2016).
È del 2016 la nuova edizione aggiornata di Danse macabre, pubblicato da Frassinelli con l'introduzione e cura di Giovanni Arduino.
A Stephen King è stata assegnata nel 2003 la National Book Foundation Medal per il contributo alal letteratura americana, e nel 2007 l'Associazione Mystery Writers of America gli ha conferito il Grand Master Award.




                                                              



"Scrivere mi piace partecipa al Programma Affiliazione di Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it"