Amazon+clickBank

sabato 1 novembre 2014

RECENSIONE: La spia dei maghi (Trudi Canavan)


Titolo: La spia dei maghi
Autore: Trudi Canavan
Editore: Tea - Editrice Nord
Pubblicazione: 15 Febbraio 2011
Pagine: 494 p.
Prezzo: 19,60 €


Trama:
Non è stato facile per il giovane Lorkin crescere all'ombra della madre, la maga Sonea, famosa in tutto il regno di Kyralia per aver reintrodotto la potentissima magia nera. E altrettanto difficile è stato confrontarsi con la memoria del padre, morto prima che lui nascesse: Lord Akkarin, l'uomo che, vent'anni prima, era riuscito a sventare l'invasione dei perfidi maghi di Sachaka, inaugurando così un periodo di pace e prosperità. È quindi per dimostrare il suo valore che Lorkin si offre volontario per scortare Lord Dannyl, il nuovo ambasciatore, proprio nel regno rivale, dove la popolazione cova ancora un profondo risentimento nei confronti dei kyraliani. Sebbene la missione diplomatica preveda soltanto un periodo di studi sulle antiche leggende sachakane, il viaggio si annuncia irto di pericoli. Al loro arrivo, infatti, i due maghi ricevono un'accoglienza gelida e, ben presto, rimangono vittime di strani e inquietanti "incidenti". Ma Lorkin e Lord Dannyl non sanno che il motivo di una simile ostilità non sono il rancore e la rivalità che dividono i due regni, bensì le stesse ricerche dell'ambasciatore, che potrebbero condurlo sulle tracce di un segreto antichissimo, un segreto che sconvolgerebbe l'intero mondo della magia...


Recensione:
Torno finalmente a leggere la mia cara Canavan. Mi ricordo di aver letto la sua prima trilogia sulla Corporazione di Maghi, e all'inizio era molto lenta.
Ora torniamo anni dopo, con Sonea che è adulta, madre e maga nera. I capitoli iniziali non sono lenti o noiosi. La trama riprende temi dagli altri libri sia dell'apprendista del mago che dalla trilogia del mago nero. Molte domande che si ponevano leggendo gli altri suoi libri troveranno risposte o approfondimenti. La storia è vista da punti diversi: quello di Lorkin, figlio di Sonea e Akkarin, che dopo il diploma sceglie di andare a Sachaka con l'ambasciatore Dannil per indagare sulla magia antica, a Sachaka però gli imprevisti sono dietro l'angolo; quello di Dannil ambasciatore anche lui a Sachaka; quello di Sonea madre di Lorkin e maga nera della corporazione; quello di Cery Ladro di Kyralia alle prese con un misterioso assassino. La trama non è piatta e prende. Forse si sente la mancanza di un punto di vista Sachakano.
A chi si riferisce il titolo? C'ho pensato fino alla fine. Chi l'ha letto mi dica cosa ne pensa.
Comunque bello, molto più scorrevole di altri. I personaggi sono molto ben caratterizzati. Ero molto curiosa di conoscere il figlio di Sonea, o per lo meno sapere se avesse avuto un maschio o una femmina, visto che la Trilogia della Corporazione finisce con lei in stato interessante.
Bello, merita! Leggetelo voi amanti del Fantasy.



L'Autrice:
Trudi Canavan è nata a Melbourne, in Australia, dove vive tuttora. Ha sempre amato raccontare storie fantastiche, ma soltanto nel 1999, quando il suo racconto d'esordio, Whisper of the Mist Children, ha ricevuto il prestigioso Aurealis Award, si è decisa a diventare scrittrice. E ha scelto di partire proprio da questo racconto per creare la trilogia con protagonista la maga Sonea e composta da La corporazione dei maghi (Nord, 2007), La scuola dei maghi (Nord, 2008) e Il segreto dei maghi (Nord, 2009): il successo è stato così travolgente da convincerla a scrivere un prequel - L'apprendista del mago (Nord, 2010) - e, appunto, La spia dei maghi, il primo romanzo di una nuova serie dedicata al figlio di Sonea, il giovane mago Lorkin.





Nessun commento:

Posta un commento