Amazon+clickBank

domenica 19 gennaio 2014

RECENSIONE: Il richiamo del cuculo (R.Galbraith)




Ragazzi, ho finito il nuovo romanzo di J.K. Rowling...

LO ADORO!!!

Finalmente è tornata la mia Joanne, quella di Harry, ma che non riconoscevo più nel "Seggio Vacante".
Questo giallo poliziesco mi ha intrigato moltissimo, e Cormoran Strike è un personaggio tanto normale quanto straordinario.
Le capacità intuitive, l'amore per il suo lavoro investigativo e le sue peripezie nella vita privata, lo rendono un personaggio attuale e nel quale tutti i lettori possono ritrovarsi.
Si instaura un legame tra il protagonista e gli amanti della carta stampata, e il classico Sherlock Holmes viene surclassato da questo illustre quanto sfortunato collega.

Strike è invitato ad indagare sulla morte di una modella, sorella di un suo amico, deceduta in circostanze poco chiare. La scrittura della Rowling è facilmente riconoscibile ed apprezzabile grazie alla capacità di rendere alla perfezione l’ambientazione di Londra, città in cui i personaggi agiscono. Essa appare scintillante ma non priva di invidia e mistificazione, di falsità e corruzione soprattutto a causa del settore in cui Strike sarà costretto ad indagare, ossia la moda. Lusso, perversione, scambi e promesse fanno da sfondo alle azioni di tutti coloro che vengono descritti egregiamente dalla scrittrice che riesce, come già aveva fatto per Harry Potter, a creare un universo di piccoli personaggi chiaramente umani e reali.
L’autrice riesce con il suo stile fluido e scorrevole, e con la sua grande capacità di descrivere alla perfezione luoghi e persone, a rendere leggibile e godibile un romanzo, che di certo non è un capolavoro, ma è un’opera ben scritta e di valore.
Oltretutto per chi ama questa autrice è impossibile lasciarsi scappare l’ultimo suo lavoro che poi non è altro che l’inizio di una lunga serie che avrà come protagonista il detective Strike.

Il richiamo del cuculo può essere una possibilità per continuare a leggere di lei e del suo mondo, in modo da non avere troppa nostalgia del tanto amato Harry (come me).

J.K.Rowling
(o Robert Galbraith... a vostro piacimento)

2 commenti:

  1. Sinceramente proprio non mi ispira..

    ps.: nuova follower! Passa da me se ti va!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilenia, grazie per il post e benvenuta.
      Naturalmente questo libro non può piacere a tutti, e il genere ha un grande peso nella scelta delle nostre letture.
      Sicuramente troveremo qualche bel libro in comune.
      Passo subito da te!
      Ciao.

      Elimina