Amazon

martedì 29 dicembre 2015

RECENSIONE: Nuovi Orizzonti - la nostra avventura nel mondo della strada & Laudato si’ e Misericordiae Vultus

Ecco due recensioni di Fede Robu, di due libri che ha letto nell'ultimo mese...



Titolo: Nuovi Orizzonti - la nostra avventura nel mondo della strada
Autore: Chiara Amirante
Editore: Città nuova
Collana: Vite vissute
Pagine: 128 p.
Anno: 2001
Prezzo: 8,00 €


Trama:
Nuovi Orizzonti: una dimensione di vita diversa, che passa per la decisione di dedicare la propria esistenza agli altri, agli ultimi. Con spontaneità la giovane autrice ci racconta come il suo folle progetto è divenuto realtà, superando problemi di ogni genere. Una storia attuale, che sorprende per la normalità con cui è vissuta una scelta che a qualcuno potrebbe suonare come una rinuncia, e che costituisce l'ideale completamento di Stazione Termini, il libro che ha fatto conoscere l'autrice al grande pubblico.

Recensione:
Questo libretto di non molte pagine e dall’aspetto modesto contiene una storia straordinaria, raccontata in prima persona dalla sua protagonista: Chiara. Con un linguaggio scorrevole e accessibile, ci conduce attraverso le tappe della sua ancora giovane vita, dall’inizio fino a quando le intuizioni e i desideri del suo cuore sono maturati in un progetto concreto e vitale, quello della comunità Nuovi Orizzonti.
Colpisce, oltre al racconto degli incontri di Chiara con diverse persone, la sua costante ricerca della Luce proprio nei luoghi meno illuminati del mondo, cioè le strade di notte. Chiara non si arrende alla malattia (sebbene non neghi la sofferenza e  il tormento che l’hanno accompagnata) e non si scoraggia di fronte a un progetto che sembra troppo grande per una ragazza giovane come è lei. Mette a frutto i talenti, e trasmette a chi la incontra la sensazione che farcela è possibile, sempre.
A prescindere dalla dimensione strettamente religiosa e legata ai miracoli, quello che rimane al lettore è la sensazione che credendo fermamente alla bontà di ciò che il proprio cuore suggerisce si possono salvare delle vite, anche a partire da un semplice sorriso. Significative, sotto questo aspetto, sono le testimonianze in fondo al libro di alcuni ragazzi che sono riusciti a salvarsi, appunto.
Vale la pena fermarsi a leggere queste poche pagine, per conoscere una realtà viva e operosa come quella di Nuovi Orizzonti, ma soprattutto per ricordarsi di quanto possiamo davvero fare ogni giorno, anche nel nostro piccolo, per alleviare la sofferenza altrui.

 
 



Titolo: Misericordiae Vultus
Autore: Papa Francesco
Editore: Ancora
Pagine: 40 p.
Anno: 2015


Recensione:
L’enciclica e la bolla di Papa Francesco, pur non appartenendo al genere fiction, sono a mio parere letture che fanno bene al cuore e allo spirito. A prescindere dalla fede religiosa che si professa (o che non si possiede/si rifiuta), le parole di un uomo anziano e saggio andrebbero sempre e comunque ascoltate. La sua esperienza di vita non è certamente esaustiva (come non lo è quella di nessuno), ma la sua descrizione del mondo che abbiamo “trasformato” è a tratti più scientifica che religiosa. Nella sua Enciclica Laudato si’, Papa Francesco racconta molto lucidamente quello che noi uomini stiamo facendo al nostro caro pianeta e anche ai suoi abitanti. Propone una visione che vede l’uomo come centro, ma non come dittatore della propria casa, un suo ospite temporaneo che, in quanto tale, non deve disporre in modo insensato di ciò che gli viene offerto, bensì curarsi di lasciarlo, se non in condizioni migliori, almeno immutato. A tratti con un linguaggio impegnativo, a tratti in modo più semplice, Papa Francesco accompagna il lettore a una presa di coscienza e di responsabilità, ricordando il concetto del dono gratuito che abbiamo ricevuto e che spetta a noi custodire.
La bolla di indizione del Giubileo, invece, è un librettino di poche pagine che si legge tutto d’un fiato. Un’esplosione di misericordia, appunto, come dice il titolo stesso. Francesco ripercorre la Sacra Scrittura mostrando come la misericordia pervada in ogni punto le storie dell’Antico Testamento e la vicenda di Gesù. Propone apertura e perdono a partire dal nucleo della famiglia, primo luogo in cui si sperimenta l’Amore di Dio. Indica poi quelle che sono le piaghe della nostra società, prima fra tutte la corruzione, mancanza di rispetto per l’altro e vero tradimento nei confronti dei fratelli.
Credo che, qualunque siano le proprie idee, la lettura di queste parole possa aprire a nuovi ragionamenti, aiutare a fare piccole scelte consapevoli e a vivere in modo più civile, se non addirittura in modo più pienamente umano.

Nessun commento:

Posta un commento