Amazon+clickBank

giovedì 18 ottobre 2018

NaNoWriMo 2018




Mi sto preparando per il NaNoWriMo 2018

E voi? sapete cos'è?
mi faccio aiutare dal web:



Il NaNoWriMo è un’iniziativa ideata accidentalmente nel novembre 1999 a San Francisco da Chris Baty e da “20 other overcaffeinated yahoos” (20 altri super-caffeinati amici). Da allora è divenuto un evento mondiale con 300 mila iscritti all’ultima sessione di novembre 2015 e dal 2005 è anche un’organizzazione no profit in Berkeley, California.
La dicitura NAtional non significa che sia solo un progetto americano, ma indica che ogni Nazione partecipa con un suo gruppo, così che gli iscritti possano comunicare nella propria lingua madre. Qui trovate tutti gli autori registrati, i cosiddetti Wrimos, suddivisi per regione: NaNoWriMo Regions
Partecipare al NaNo è in realtà semplicissimo. Bastano pochi passaggi:
  1. Dopo la registrazione sul sito, va compilata la propria scheda autore per presentarsi agli altri partecipanti e condividere le proprie scelte e preferenze.
  2. Va poi dato un titolo al romanzo che si intende sviluppare durante il NaNo: ai fini del conteggio delle parole, non si dovrà riportare tutto il testo sul sito, ma si potranno inserire una breve sinossi e qualche estratto. Se ce l’avete, potete caricare anche un’immagine per la copertina.
  3. Si deve poi selezionare la propria nazione d’origine per ricevere gli aggiornamenti su eventi locali dal proprio Municipal Liason, ovvero i volontari che hanno già vinto la sfida del NaNoWriMo almeno una volta e che rendono viva e reale la partecipazione al NaNo rispondendo alle domande dei nuovi iscritti e organizzando le attività sia sul forum che nel mondo esterno (biblioteche,
    cafè, librerie).
  4. Via via che ci si inoltra nella sfida del mese di novembre, si guadagnano i distintivi delle singole tappe intermedie, aggiornando il proprio Word Count nella barra del profilo, fino all’agognata soglia delle 50.000 parole.
Lo scopo è scrivere 50.000 parole in un mese, dal 1 al 30 novembre, esattamente 1.667 parole al giorno, che non sono per nulla poche. Corrispondono a un romanzo da circa 140 cartelle (ndr. la cartella è l’unità di misura usata in campo editoriale, corrisponde a 30 righe di testo da 60 battute ciascuna). Più o meno la lunghezza de Il grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald.
Qual è il premio di tanta fatica? La Gloria, ovviamente!
Non si vince nulla, nè premio in denaro nè la pubblicazione del testo scritto durante la sfida, nemmeno l’editing professionale. Solo un badge virtuale che può essere esposto sul proprio sito per il raggiungimento del goal delle 50.000 parole.

Ma gli obiettivi del NaNo sono principalmente la motivazione e la perseveranza.
Vorrei dire anche sviluppare un’abitudine, ma sono scettica: credo che molti arrivino alla fine del mese stanchi e provati.
Eppure alcuni partecipanti affermano che si impara la disciplina della scrittura: le prime sessioni iniziano con una sorta di violenza fisica per l’obbligo imposto; man mano che ci si addentra nella storia, l’obbligo diventa desiderio di fissare una nuova tappa su carta; finchè il desiderio si trasforma in vera e propria necessità di continuare.
E a ben vedere, il limite imposto di 2000 parole al giorno è lo stesso metodo utilizzato dal grande Stephen King, che concentra la sua attività al mattino ma non si alza dalla scrivania se prima non ha terminato le sue dieci pagine al giorno (ne parla nel suo libroOn Writing, al contempo manuale di scrittura e autobiografia).
Ciò che sconvolge è la quantità incredibile di risorse che vengono messe a disposizione dei partecipanti. Man mano che mi addentravo in questa ricerca, e scoprivo nuovi link, con spunti interessanti per qualsiasi scribacchino, NaNo o alto che sia, mi sembrava di rovistare dentro uno di quegli antichi bauli nascosti in soffitta pieni di tesori inestimabili. 

Il supporto al NaNoWriMo

  • Forum internazionale in lingua inglese: Forums
  • Forum specifico del gruppo italiano: Europe-italy
  • Pagina Facebook internazionale in lingua inglese: NaNoWriMo
  • Gruppo facebook italiano: NaNoWriMo Italia (è un gruppo chiuso, va chiesta l’iscrizione)
  • Canale YouTube con video ispirativi, per sconfiggere il blocco dello scrittore: Letters and Light video
  • Sono anche presenti in TwitterTumblrInstagram Pinterest
  • Archivio dei Pep-Talks: NaNoWriMo Pep-Talks 
    Sono lettere d’ispirazione scritti da autori famosi, quali John Green, Veronica Roth, Rainbow Rowell, Neil Gaiman e, rullo di tamburi, una delle scrittrici a scrivere qualche parola di incoraggiamento per la sessione 2015 è stata Diana Gabaldon, la cui saga Outlander oramai una delle mie preferite.
  • WikiWriMo, l’enciclopedia wiki non ufficiale del NaNoWriMo, in lingua inglese: WikiWriMo 
  • Per contribuire all’organizzazione, si possono effettuare delle donazioni oppure degli acquisti di magliette, cappellini, tazze, posters, adesivi e taccuini con i vari loghi del NaNoWrimo: Merchandise 
A ben vedere il NaNoWriMo è davvero un’esperienza di grande valore.

1 commento:

  1. Io puntualmente mi dico che questo è l'anno buono per buttarcisi a capofitto, poi regolarmente novembre arriva a metà e io nemmeno mi sono ricordato di iscrivermi...

    Vediamo se il 2018 sarà l'anno della svolta :D

    RispondiElimina